A- A+
Economia
Investimenti green, regolamentare la sostenibilità anche nel 2022

Finanza, tra gli obiettivi del 2022 accelerare sulla regolamentazione dei processi d'investimento green: l'analisi di Schroders

Il cambiamento climatico rappresenta il grande tema e la grande sfida del presente. E accanto ad esso anche gli investimenti ESG in campo finanziario sembrano essere diventati mainstream. Secondo Bloomberg, a fine 2021 gli asset green hanno raggiunto 37.800 miliardi di dollari e dovrebbero arrivare a 53.000 miliardi entro il 2025, rappresentando un terzo di tutti gli asset in gestione a livello globale. Ora però, assodata la loro importanza, bisogna continuare con la regolamentazione dei processi d'investimento. A lanciare l'appello sono gli analisti di Schroders, multinazionale inglese di gestione del risparmio. 

SULL'ARGOMENTO LEGGI ANCHE: 
Investimenti sostenibili, è boom: nel 2020 raccolgono 223 miliardi

Greta Thunberg: "Cop26 è un fallimento, bla bla che celebra il business"
Cop26, l'Italia arranca sul clima e scende al 30esimo posto nella classifica

"La Cop15 dovrebbe riunirsi ad aprile in Cina e ci aspettiamo un accordo simile a quello di Parigi. L'ultimo summit - la COP26 di Glasgow - ha messo in evidenza le crescenti aspettative sul settore privato. Sono ora le aziende più che i governi a doversi impegnare su questioni sostenibili, come emissioni di carbonio, deforestazione e metano", rivelano gli analisti. 

"Un numero crescente di aziende, spiegano gli analisti, ha adottato target di azione per il clima attraverso la Science Based Targets initiative (SBTi), in linea con l'obiettivo dell'Accordo di Parigi di limitare il riscaldamento globale ben al di sotto dei 2°C rispetto ai livelli pre-industriali".

"La regolamentazione sulla finanza sostenibile continuerà ad evolvere anche nel 2022. Quello che era un fenomeno prevalentemente europeo si sta ora diffondendo in altre aree geografiche, in particolare l'Asia. Sotto lo scrutinio non ci sono solo gli asset manager, ma tutta la catena del valore degli investimenti, come fondi pensione e compagnie assicurative, o gli intermediari e non solo in Europa con SFDR, ma anche nel Regno Unito e negli USA. Neanche i provider di dati o rating ESG ne sono esenti, con richieste crescenti per una maggiore trasparenza nelle metodologie e una migliore gestione dei conflitti di interesse", concludono gli analisti. 

LEGGI ANCHE: 

“Violenza privata”, denunce in arrivo contro il governo 

Docente obbligata al vaccino: "non scriva le patologie" 

“Ah c’è Parenzo, lo invitate per far sembrare intelligenti i No vax?”. VIDEO

Ronzulli e la rivelazione su Borgonovo: "Mediaset ti paga e tu fai il No Vax"

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    finanzainvestimenti sostenibili
    i più visti
    in evidenza
    Addio al padre della giacca decostruita e maestro di Armani

    Nino Cerruti

    Addio al padre della giacca decostruita e maestro di Armani


    casa, immobiliare
    motori
    Tokyo Auto Salon 2022: Toyota punta sul motorsport

    Tokyo Auto Salon 2022: Toyota punta sul motorsport

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.