A- A+
Economia
Istat: "Il 38% delle imprese è a rischio chiusura per gravi motivi economici"

Istat: "Il 38% delle imprese è a rischio chiusura per gravi motivi economici"

La crisi economica in Italia in seguito all'emergenza Coronavirus è sempre più allarmante. La conferma è arrivata con l'audizione parlamentare dei vertici dell'Istat. "Più di un terzo delle imprese italiane, il 38,8% per la precisione, - riporta il Corriere della Sera - denuncia fattori economici e organizzativi che ne mettono a rischio la sopravvivenza. È quindi indispensabile, ha aggiunto Roberto Monducci, continuare nella protezione del lavoro, del reddito e delle imprese, per porre le basi di una risalita di cui, da maggio, si vedono i primi segnali: "Non solo un rimbalzo, ma qualcosa di più".

Tra le attività più a rischio ci sono quelle di bar e ristoranti, le cui associazioni sono state ricevute ieri dalla viceministra dell’Economia, Laura Castelli, che si è impegnata per un fondo a sostegno degli affitti. Per loro potrebbe inoltre essere estesa fino alla fine dell’anno l’esenzione dalla Tosap, oltre alla cassa integrazione e alla decontribuzione per chi assume o richiama i lavoratori dalla cig. Le categorie chiedono anche il bonus ristorazione per favorire il ritorno dei clienti. Disponibile Castelli: "Dobbiamo incentivare il consumo, stiamo lavorando ad una misura che vada in questa direzione". Tra le ipotesi, un bonus legato al pagamento con carta di credito. Intanto, l’agenzia Fitch stima che il Pil in Italia, nel 2025, sarà ancora "del 3-4% sotto il livello implicito nel trend pre-crisi".

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    istatimpresecoronavirus aziendecrisi economicaitalia aziendeemergenza coronavirus
    i più visti
    in evidenza
    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

    Corporate - Il giornale delle imprese

    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia


    casa, immobiliare
    motori
    Mercedes, approvato piano al 2026 con investimenti da 60 MLD

    Mercedes, approvato piano al 2026 con investimenti da 60 MLD

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.