A- A+
Economia
Italia a rischio recessione, manovra da 60mld in due anni. I paletti dell'Fmi
Fmi, Kristalina Georgieva

Tra manovra da 60 mld in due anni e spettro recessione. L'Fmi gela il governo

La recente visita dei tecnici dell'Fmi al governo ha provocato un nuovo allarme, maggiore delle aspettative: serviranno almeno 60 miliardi nelle prossime due manovre finanziarie per tentare di mettere in ordine i conti pubblici dell'Italia. Il tutto partendo dal presupposto che il governo - riporta La Repubblica - deve ridurre debito e deficit, assai più rapidamente di quanto non abbia previsto finora, se vuole avviarsi sulla strada di una crescita solida e sostenibile nel tempo, evitando i rischi di nuove crisi. E questo sulla base di una stringente analisi tecnica, non politica. Restano almeno tre questioni vitali per il futuro del nostro paese da affrontare e risolvere: la cancellazione del Superbonus, e delle altre misure inutili per la crescita o insostenibili sul piano fiscale; il surplus dell’avanzo primario del 3%, da realizzare nel giro di un paio di anni e la questione legata al Pnrr. Il surplus, secondo le autorità italiane però rischia di esporci alla recessione o comunque una seria frenata.

Leggi anche: Fmi tira le orecchie all'Italia: "Debito alto, stop misure anti crisi inutili"

L’Fmi - prosegue Repubblica - insiste. C’è l’esigenza di agire più rapidamente sulle garanzie, nel timore di dover fronteggiare una crisi, che potrebbe nascere da una discesa dei tassi meno veloce del previsto. Ciò esporrebbe alcune imprese al rischio di fallimento, con i relativi problemi per la finanza pubblica. Sul Pnrr il Fondo è apertamente favorevole al rinvio, perché non crede sia logico restare ancorati alla scadenza iniziale del 2026, rischiando così di perderne molti benefici. Il problema è che i ritardi nell’applicazione sono così gravi da far presumere che un anno di proroga non basterebbe a sanarli e servirebbe a poco nella sostanza dei nostri conti.






in evidenza
Affari in Rete

Politica

Affari in Rete


motori
Stellantis: lancia i software per una mobilità del futuro

Stellantis: lancia i software per una mobilità del futuro

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.