A- A+
Economia
Iva, Bruxelles dichiara guerra alle frodi. Nasce la procura speciale europea
(fonte Lapresse)

Nasce la procura europea che indaga sulle maxi frodi dell'Iva. Ieri, scrive Italia Oggi, la procuratrice capo Laura Codrua Kövesi e i procuratori europei - tra cui quello italiano Danilo Ceccarelli - hanno assunto in via solenne l'incarico di quella che sarà la prima procura sovranazionale dell'Ue incaricata a eseguire indagini e procedimenti penali.

Inizierà a essere operativa dalla fine del 2020, con 22 paesi Ue partecipanti, inclusa l'Italia. L'azione della procura europea (Eppo) è rivolta alle frodi e a tutti i reati che ledono gli interessi finanziari dell'Ue.

Tra queste, scrive ancora il quotidiano di Class, vi sono le frodi transfrontaliere dell'Iva, che causano un danno da 50 miliardi di euro ogni anno per i bilanci degli stati Ue. Inoltre, secondo gli ultimi dati disponibili, nel 2017 gli stati membri hanno segnalato irregolarità fraudolente sui fondi Ue per circa 500 milioni di euro.

Le indagini dell' Eppo saranno condotte sul territorio degli stati membri e i casi saranno portati dinanzi ai tribunali nazionali. Attualmente, solo la magistratura nazionale può indagare e perseguire le frodi a danno del bilancio dell'Ue. Ma i loro poteri si fermano ai confini nazionali, scontrandosi con la realtà delle frodi che spesso è costruita su schemi transfrontalieri.

Commenti
    Tags:
    ueivafisco
    Loading...
    Loading...
    i più visti

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Mercedes-Benz Classe C: una storia tutta da raccontare

    Mercedes-Benz Classe C: una storia tutta da raccontare

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.