A- A+
Economia
Laterza rifiuta il rinvio del Festival di Torino: si rischia il contenzioso
Giuseppe Laterza, per 15 anni organizzatore del Festival dell'Economia di Trento, ora punta tutto sul nuovo evento di Torino (Imagoeconomica)

Ci sarà un "derby" dei Festival dell'Economia?

Giuseppe Laterza non vuole spostare il nuovo Festival dell’Economia di Torino, in programma dal 2 al 5 giugno. Nonostante l’invito da parte delle istituzioni locali a posticipare l’evento, per evitare un’imbarazzante concomitanza con il format originale di Trento, l’editore non è disponibile a modificare l’agenda: “Cambiare le date significa annullare gli impegni presi e il lavoro fatto, senza garanzie per il futuro”.

Perché la contemporaneità tra Trento e Torino sarebbe imbarazzante?

La genesi di questo doppio appuntamento è particolare. Per ben 15 anni, la triade formata da Laterza, Tito Boeri e Innocenzo Cipolletta ha organizzato il Festival dell'Economia di Trento, appuntamento prestigioso anche perché unico sul piano nazionale e dal valore stimato di 2,3 milioni di euro (prima della pandemia). La scorsa estate l'amministrazione provinciale ha deciso di aprire una gara per l'assegnazione dell'organizzazione e la proposta de Il Sole 24 Ore ha prevalso su quella di Laterza, perchè, come spiega il Presidente Maurizio Fugatti, "oltre a presentare importanti elementi di innovatività, è strutturata per garantire una maggiore estensione delle iniziative oltre le giornate di svolgimento del Festival e quindi una prolungata promozione e visibilità del territorio. Lascia intravedere poi un ampio respiro mediatico attraverso la partnership con importanti testate internazionali, e parallelamente rafforza i presupposti per una significativa compartecipazione economica privata". Nonostante le spiegazioni, il gruppo guidato da Laterza ha deciso di trasferirsi a Torino, per organizzare un festival alternativo, nelle stesse date di quello originariamente previsto per l'inizio di giugno, non senza polemiche. La contemporaneità avrebbe evidentemente causato diversi imbarazzi nei rapporti con istituzioni, media e sponsor coinvolti, da qui il caldo invito degli enti locali a spostare l’evento piemontese.

Il nodo delle date a contratto

Tuttavia, il trio è molto impegnato nell’organizzazione del suo nuovo Festival, con inviti e accordi già definiti. Inoltre, a quanto si mormora, il contratto della manifestazione prevede delle date prefissate e in caso di rinvio ci potrebbe essere un contenzioso. Una situazione molto delicata, che spinge il Collegio Carlo Alberto, titolare della regia scientifica del nuovo Festival, ad esprimere pubblicamente l’auspicio “che Editori Laterza e il professor Boeri, anche alla luce del grande lavoro già svolto, possano concordare sullo slittamento delle date per la buona riuscita del Festival, già dalla prima edizione e per tutte le edizioni successive”.

 

Leggi anche:

Festival dell'economia, niente "derby". Prima Trento, Torino posticipato

Commenti
    Tags:
    festival dell'economia torinolaterzatito boeri




    
    in evidenza
    Falchi-Crippa, prima uscita pubblica Matrimonio in vista? Quell'anello...

    Le foto

    Falchi-Crippa, prima uscita pubblica
    Matrimonio in vista? Quell'anello...


    motori
    Opel storiche,ci si vede a Ferrara il 14 Settembre

    Opel storiche,ci si vede a Ferrara il 14 Settembre

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.