A- A+
Economia
Made in Italy e tutela, il 57,6% degli italiani promuove il governo Meloni
In foto da sinistra a destra: Roberto Baldassari, direttore di Lab 21.01, Alessandro Circiello, responsabile Aepi per il Made in Italy e Marco Scotti, condirettore di Affaritaliani.it 

Made in Italy, il 57,6% italiani approva il governo sulla tutela 

"Il Made in Italy per i professionisti e le imprese italiane”. E’ questo il titolo del Rapporto AEPI 2024 di Lab21.01, dai quali ha preso il via la quinta edizione del “Forum del Made in Italy”, lo storico appuntamento di AEPI - Confederazione delle associazioni europee di professionisti e imprese che quest’anno è organizzato per la prima volta in collaborazione con Affaritaliani.it, il primo quotidiano digitale fondato da Angelo Maria Perrino, e con l’Associazione La Piazza. Il rapporto evidenzia come l'85,8% degli italiani ritiene cruciale che un prodotto sia autenticamente Made in Italy. Per il 72,4%, l'italianità del prodotto ha un impatto positivo sul business delle piccole e medie imprese italiane, mentre il 70,7% crede che abbia un effetto benefico sull'economia nazionale. Inoltre, il 95,4% degli italiani considera essenziale risolvere il problema della contraffazione dei prodotti Made in Italy.

LEGGI ANCHE: "Imprese? Nati per e non contro. Confindustria? Rapporto fondamentale"

Il 57,6% degli italiani giudica favorevolmente il lavoro del governo Meloni riguardo al tema del Made in Italy, pur riconoscendo che ci sono ulteriori azioni che potrebbero essere incentivate. Tra queste, il 27,4% ritiene importante rendere obbligatorio il sistema di tracciabilità dei prodotti Made in Italy per tutte le aziende italiane, il 23,2% suggerisce di incoraggiare e favorire l'acquisto di tali prodotti, il 16,9% pensa che siano necessari più finanziamenti, mentre il 14,3% sottolinea l'importanza di aumentare la conoscenza dei consumatori sul processo di produzione dei prodotti Made in Italy.

 






in evidenza
Annalisa tra record e un sogno: "Non ho più vent'anni e vorrei..."

La confessione intima

Annalisa tra record e un sogno: "Non ho più vent'anni e vorrei..."


motori
DACIA: un modello di business unico per redditività elevata

DACIA: un modello di business unico per redditività elevata

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.