A- A+
Economia
Multinazionali e big tech, le grandi lobby che eludono il fisco (e non solo)

Multinazionali trattate come persone. Ecco un'analisi tra diritti, privilegi e implicazioni legali 

Lo spunto per scrivere questo articolo me l'ha dato il seguente titolo: Senza dividendi niente tasse: il "trucco" delle big tech pubblicato su Affaritaliani.it (recupera qui l'articolo). Che le grandi aziende o Corporation agiscano come vogliono è risaputo. Tutto nasce nel 1868 negli U.S.A. con il XIV (quattordicesimo) emendamento, voluto per dare uguali diritti alla popolazione di colore (oggi afro-americani). Gli avvocati, di quel tempo molto agguerriti, quale causa hanno portato avanti? La Corporation è una persona, però con una montagna di distinguo e privilegi, come quelli di “non pagare” le tasse ed altro ancora che le persone non hanno? Non essendo un storico od un giurista mi sono avvalso di tutte le fonti in internet, poi ho girato una serie di domande a CHATGPT  ed ecco le relative risposte:

Perché negli USA le Corporation hanno gli stessi diritti delle persone fisiche? In effetti, negli Stati Uniti, le corporation godono delle stesse protezioni costituzionali degli esseri umani. Questo è avvenuto grazie a una serie di decisioni chiave della Corte Suprema e a un controverso concetto giuridico noto come “corporate personhood” (personificazione delle società). 

E' possibile ribaltare questo concetto? La revisione o il ribaltamento del concetto di “corporate personhood” negli Stati Uniti è un argomento complesso e controverso. Mentre alcune persone sostengono che dovrebbe essere rivisto, altre ritengono che sia fondamentale per il funzionamento delle imprese e dell’economia. 

Potrebbe essere limitativo il fatto che le Corporation non possono assolvere agli obblighi miliari o votare? In effetti, l’impossibilità per le corporation di assolvere agli obblighi militari o di votare è una caratteristica importante che distingue le persone giuridiche dalle persone fisiche. In sintesi, mentre le società non possono assolvere obblighi militari o votare, hanno altri mezzi per partecipare alla società e influenzare il processo politico. Questo equilibrio è importante per garantire una coesistenza armoniosa tra persone fisiche e persone giuridiche. 

LEGGI ANCHE: Senza dividendi niente tasse: il "trucco" delle big tech

Impostata così potrebbe allora potrebbe essere che anche il comune cittadino ha personalità giuridica. In effetti, la personalità giuridica è un concetto che riguarda sia le persone fisiche che le persone giuridiche. 

Per concludere che tu sia cittadino americano fisico e  debba combattere in guerra o andare in una cabina elettorale a votare o far parte di una giuria popolare sei paragonato ad una entità giuridica, me che in realtà e astratta. Hai sollevato un punto interessante! La distinzione tra le persone fisiche e le entità giuridiche è fondamentale nel diritto e nella società. 

Forse una delle motivazioni per vedere riconosciuti i diritti del cittadino rispetto alle Corporation è dato dal fatto che il singolo cittadino è soggetto alla pena di morte per gravi delitti, mentre la persona giuridica, anche di fronte a gravi delitti perpetrati alle persone, non può essere condannata a morte. Hai sollevato un punto interessante. La distinzione tra persone fisiche (cittadini) e persone giuridiche (entità legali come le società) è complessa e ha implicazioni significative. 

Con quest'ultima risposta rimane il dubbio sostanziale che una Corporation sia identificabile come una persona, allora la domanda è perché non portare di fronte alla Corte Suprema questo dubbio? Magari scopriremo che le potenti Corporation, pur di essere identificate come un essere umano, riescano a far abolire la pena di morte? Se volete un po' di informazione in più Vi segnalo il documentario The Corporation _ 1 - 2 visibile su Youtube. 

 






in evidenza
Affari in rete

Guarda la gallery

Affari in rete


motori
Alpine Endurance Team alla 24 Ore di Le Mans: test day cruciale

Alpine Endurance Team alla 24 Ore di Le Mans: test day cruciale

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.