A- A+
Economia
Mutui e finanziamenti: come le scelte della Bce impattano sulle nostre tasche

La Bce rialza i tassi d'interesse e si alzano i costi di mutui e finanziamenti: le conseguenze su famiglie e imprese 

L'inflazione galoppa e il tempo stringe. La presidente della Banca centrale europea Christine Lagarde ha annunciato la "mossa da falco" dall'Eurotower: dopo 11 anni si è avviata la stagione del rialzo dei tassi di interesse. Un cambio di rotta inevitabile di fronte al quadro micro e macro economico in continuo peggioramento. I rischi legati alla pandemia sono infatti scesi ma quelli legati alla guerra sono significativi. Così, dal prossimo luglio, la Bce porrà fine agli acquisti netti di attività nell'ambito del suo programma, Paa, e si dice pronta a mettere in campo uno scudo anti-spread, anche se non ha fornito dettagli.

LEGGI ANCHE: Bce, dietro l'aumento dei tassi c'è Putin. Lagarde beffata e Italia nei guai

La Bce rialza i tassi, l'effetto su mutui e famiglie 

Tutto ciò avrà in modo inevitabile un riflesso sull'economia reale delle famiglie italiane su più fronti: mutui, spread e investimenti. Secondo quanto rende noto Bankitalia già in aprile i tassi sui prestiti erogati nel mese alle famiglie per l'acquisto di abitazioni, comprensivi delle spese accessorie (TAEG), sono già saliti, collocandosi al 2,15% dal 2,01% in marzo, mentre quelli sulle nuove erogazioni di credito al consumo all'8,03%, rispetto al 8,06% nel mese precedente. 

LEGGI ANCHE: Bce, stop all'acquisto dei bond: Lagarde rialza i tassi dello 0,25% a luglio

Anche il Codacons da parte su mette  in evidenza che "con mutuo da 200mila euro per l'acquisto di una prima casa a Roma, la rata mensile di un finanziamento a 30 anni costa, sulla base degli attuali indici Euribor e delle miglior offerte presenti sul mercato, 619 euro. Rata che passerà a 642 euro al mese con un aumento dei tassi dello 0,25% e a 665 euro al mese in caso di incremento dello 0,50%, con una maggiore spesa che raggiunge i 46 euro a rata mensile e un aggravio di 552 euro in un solo anno". 

Leggi anche: Caro mutui ma gli italiani non rinunciano a comprare casa

Sulla base delle attuali offerte sul mercato, in caso di aumento dei tassi dello 0,50% il costo complessivo di un mutuo a tasso variabile, solo per le maggiori rate mensili, salirebbe in totale di 10.800 in caso di finanziamento a 20 anni, di +12.600 euro per un mutuo a 25 anni e addirittura di +16.560 euro per un mutuo a 30 anni. Va pero' considerato che l'andamento dei tassi variabili potrebbe subire modifiche in negativo o in positivo durante il corso del finanziamento, con effetti diversi sulla spesa di chi ha acceso un mutuo.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    bcefinanziamentimutuispread




    
    in evidenza
    Oscar del Libro 2024, Perrino: "Ho fondato affaritaliani.it perché non sopportavo più le mani della finanza sui giornali"

    La kermesse pugliese che apre la stagione "Borgo in Fiore"

    Oscar del Libro 2024, Perrino: "Ho fondato affaritaliani.it perché non sopportavo più le mani della finanza sui giornali"


    motori
    Bosch lancia il progetto RUMBA: innovazione negli interni dei veicoli autonomi

    Bosch lancia il progetto RUMBA: innovazione negli interni dei veicoli autonomi

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.