Per segnalazioni: corporate@affaritaliani.it
A- A+
Corporate - Il giornale delle imprese
L’internazionalizzazione delle imprese supera il valore di mille mld l’anno

L'internazionalizzazione delle imprese supera il valore di 1.000 miliardi 

Nel 2021 le esportazioni italiane di beni hanno raggiunto la cifra record di 516 miliardi di euro con un incremento dell'export in valore del +18,2% rispetto l'anno precedente. Quanto alla presenza di imprese a controllo italiano all'estero i dati si riferiscono al 2019, ma è ipotizzabile che nel biennio Covid non siano cambiati molto, per l'oggettiva maggiore difficoltà di effettuare o cancellare investimenti all'estero durante il periodo di lockdown.

Nel 2019 ben 24.765 controllate italiane erano presenti in 174 Paesi, impiegavano 1,6 milioni di addetti e fatturavano 567 miliardi di euro. Di queste, le imprese manifatturiere erano 6.916, impiegavano quasi 866 mila addetti con un turnaround di 247 miliardi. Non si è lontano dalla realtà, se si afferma che l'internazionalizzazione delle aziende italiane vale oltre mille miliardi di euro all'anno, somma tra l'export a quota 516 e giro d'affari delle controllate italiane all'estero con introiti per 567 miliardi.

Proprio le Pmi risultano essere un pilastro dei primati mondiali del Made in Italy. In particolare, le microimprese (con meno di 20 addetti) manifatturiere sono quasi 40 mila. Le microimprese e le piccole imprese del Made in Italy sono pienamente integrate in un più ampio sistema di medie, medio-grandi e grandi imprese molto efficienti e competitive. Tra i casi di successo c’è Divani.Store, azienda abruzzese che ha saputo trasformare il passaggio generazionale in un’occasione di internazionalizzazione. I fratelli Loris e Davis Di Pancrazio sono i figli del fondatore di Alterego Divani e insieme hanno fondato Divani.Store, azienda parte del gruppo di famiglia.

Come nasce Divani.Store e come si è evoluta nel corso degli anni?
Divani.Store è un’azienda nativa digitale fondata nel novembre 2019, giusto pochi mesi prima che la pandemia congelasse il mondo. Per noi il problema della trasformazione digitale non si è neppure posto perché l’azienda è nata già con modello di business e mentalità imprenditoriale tutta orientata al digitale, partendo però da un prodotto profondamente artigianale. Divani.Store è una realtà in linea con la nostra generazione e l’obiettivo è stato fin da subito declinare digitalmente la stessa esperienza che un cliente può provare in negozio. Per fare questo però era indispensabile un partner che ci aiutasse a fare le scelte giuste e l’abbiamo trovato in Extera, la società di consulenza digitale che ci ha consentito di far decollare le vendite online con un aumento di fatturato del 400% in appena due anni. 

Quale è stato l’investimento più importante finora?
Un investimento significativo, oltre a quello fatto sul marchio, è stato il lancio del sito e-commerce pensato specificatamente per il mercato francese, uno dei più importanti in Europa. Extera ci ha guidati in questa nuova avventura e insieme abbiamo ridefinito l’esperienza di acquisto online per il cliente francese, amante dello stile e della qualità italiana, garantendo anche in questo mercato il necessario livello di assistenza pre e post acquisto. A luglio partirà anche l’avventura per il mercato tedesco con uno shop online dedicato, ad inizio 2024 l’espansione proseguirà poi con il lancio di quello per il mercato spagnolo.

Ci sono stati momenti difficili durante questo processo di espansione internazionale?
Diciamo che non sempre è stato facile trovare i giusti partner e affiliati che condividessero la nostra filosofia. Inoltre l'espansione internazionale richiede una grande attenzione alle diverse normative dei paesi in cui si opera e questo è un aspetto che ogni azienda che punta all’internazionalizzazione deve tenere ben presente. 

Cosa significa per voi Made in Italy?
Ogni nostro divano non solo è prodotto in Italia, ovviamente, ma è anche prodotto a mano e utilizzando solo materiali di alta qualità.  La sfida continua è proprio quella di rendere questi concetti palpabili per il potenziale cliente pur rimanendo sempre in una dimensione digitale, dove l’esperienza fisica è per definizione impossibile. Questo però dimostra anche che l’eccellenza del Made in Italy è talmente apprezzata e conosciuta all’estero che si può vendere anche online. In questo senso tutte le tecnologie, presenti ma soprattutto future, che consentiranno di accorciare la distanza tra il virtuale e il reale, sono uno strumento strategico per il Made in Italy. Oltre a questo è fondamentale trovare i giusti compagni di viaggio e noi abbiamo avuto la fortuna di incontrare Extera Digital Agency.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
impreseinternazionalizzazionemiliardivalore




Gli Scatti d’Affari

Polo Logistica FS, Baraclit e Gruppo Grendi insieme per un trasporto integrato

Gli Scatti d’Affari

Sisal: presentato il Bilancio di Sostenibilità 2023

Gli Scatti d’Affari

GSR, Senstation Summer: inaugurato il villaggio sportivo nel centro di Milano

Gli Scatti d’Affari

Gruppo FS presenta il Frecciarossa per i 160 anni della Croce Rossa Italiana

Gli Scatti d’Affari

L’Oréal, volge al termine la XXII edizione italiana di 'For Women in Science'

Gli Scatti d’Affari

Fincantieri è contro la violenza di genere con il progetto Respect For Future

Gli Scatti d’Affari

Open Fiber protagonista al ACM Sigmetrics: AI per una rete FTTH efficiente

Gli Scatti d’Affari

SEA e COSTIM presentano ‘LAD’: il nuovo quartiere all’idroscalo aperto a tutti

Gli Scatti d’Affari

Ferrero lancia il nuovo gelato al gusto Nutella

Gli Scatti d’Affari

UniCredit, la filiale on line buddy è partner della Coppa Davis

Guarda gli altri Scatti

in evidenza
Dopo l'addio alla Rai, nuova vita a La7: Giovanna Botteri alla corte di Cairo

L'annuncio a sorpresa

Dopo l'addio alla Rai, nuova vita a La7: Giovanna Botteri alla corte di Cairo


motori
La Lamborghini Countach LP 400 S di “The Cannonball Run” compie 45 anni

La Lamborghini Countach LP 400 S di “The Cannonball Run” compie 45 anni

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.