A- A+
Economia
Nuova mazzata dell'Antitrust a Meta, maxi-multa di 3,5 milioni di euro

Antitrust, sanzione di 3,5 mln a Meta per pratiche scorrette

L'Antitrust ha comminato una sanzione di 3,5 milioni a Meta per pratiche commerciali scorrette riguardo alla creazione e alla gestione degli account dei social network Facebook e Instagram.

In particolare, secondo l’autorità, nel processo di registrazione ad Instagram gli utenti non hanno ricevuto informazioni chiare sulla raccolta e sull'uso dei propri dati per fini commerciali. Inoltre, in caso di sospensione degli account Facebook e Instagram, non sono state fornite comunicazioni utili per eventuali contestazioni.

LEGGI ANCHE: Google mette online per errore come funziona l'algoritmo del motore di ricerca

In particolare, per l'Antitrust, Meta non ha indicato come decida di sospendere gli account Facebook (se a seguito di un controllo automatizzato o "umano") e non ha fornito agli utenti di Facebook e Instagram informazioni sulla possibilità di contestare la sospensione dei loro account (si possono rivolgere a un organo di risoluzione stragiudiziale delle controversie o a un giudice).

Infine, ha previsto un termine breve (30 giorni) per la contestazione della sospensione da parte del consumatore. Queste due pratiche sono state cessate da Meta nel corso del procedimento.






in evidenza
Dopo l'addio alla Rai, nuova vita a La7: Giovanna Botteri alla corte di Cairo

L'annuncio a sorpresa

Dopo l'addio alla Rai, nuova vita a La7: Giovanna Botteri alla corte di Cairo


motori
Audi RS 3: nuovo record al Nürburgring

Audi RS 3: nuovo record al Nürburgring

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.