A- A+
Economia
Palenzona alla presidenza della fondazione Crt: torna il salotto buono

Palenzona alla Fondazione Crt: gli scenari

Felix The Cat
 

I suoi detrattori – e sono tanti – lo chiamano con tono dispregiativo “camionista”. Ma Fabrizio Palenzona non guida e non ha mai guidato camion, ma al massimo è stato membro del consiglio di amministrazione di Unitra dal 1981. Ha sempre giocato su due tavoli: quello della politica, mondo in cui è entrato come membro della Democrazia Cristiana e che ha percorso in lungo e in largo prima come sindaco di Tortona (per otto anni) e poi come presidente della provincia di Alessandria per altri nove.

A proposito dell’esperienza di Unitra – si legge dal suo curriculum pubblicato sul sito di Prelios (di cui è presidente dal 2018) - “nel 1981 fonda e dirige sino al 1995 (direttore generale dal 1981) l’impresa consortile Unitra s.c.a.r.l. (Unione Italiana Autotrasportatori). Si tratta del primo e pressoché unico esempio di successo di consorzio di imprese di autotrasporto strutturate. I soci principali individuati e organizzati dal neodirettore di Unitra nel 1981 rappresentano le imprese più significative del settore”.

Nel mentre scala le gerarchie nel mondo economico nostrano. È stato vicepresidente di UniCredit dal 1999, anno in cui si è completata la trasformazione dell’ex Credito Italiano quando al timone c’era Alessandro Profumo. Un regno durato 18 anni, fino all’aprile del 2017. È stato presidente di Gemina, Aeroporti di Roma e Aviva Italia.

Nel 2018 è presidente di Associazione italiana società concessionarie autostrade e trafori (dall'ottobre 2003) e di Assaeroporti, ed è membro del consiglio di amministrazione di Mediobanca, Associazione Bancaria Italiana (ABI) e Università degli Studi del Piemonte Orientale Amedeo Avogadro. Da aprile 2018 è presidente di Prelios SpA.

Insomma, è quel che si dice un uomo di potere. Qualcuno ha provato a metterlo da parte ma non è cosa semplice: l’ambizione di questo piemontese è grande a tal punto da far pensare in giro che ora che è arrivato al vertice della Fondazione Crt possa ritornare l’epoca del salotto buono della finanza, assurto agli onori della cronaca all’epoca di Cuccia, Maranghi e della Mediobanca protagonista e poi lentamente scivolata nel dimenticatoio.

Ora che Palenzona è al vertice della Fondazione Crt si riaprono improvvisamente molte partite e altre si profilano all’orizzonte. Il manager piemontese potrebbe essere l’anello di congiunzione tra Unicredit e Bpm (entrambe partecipate dall’ente da lui guidato) per arrivare a delle nozze che sembravano ormai fatte prima che una “soffiata” del Messaggero mandasse tutto a monte. C’è la volontà – ribadita da tutti – di arrivare a una fusione tra Mediobanca e Banca Generali. Anche lì, esperimento già tentato ma fallito per molti motivi.

Insomma, Palenzona sembra essere un uomo capace di riaprire tavoli inaspettati. Come fa notare Stefano Cingolani sul Foglio, tra l’altro, potrebbe essere lo “sherpa” che verifichi la fattibilità di altre operazioni che sembravano fanta-finanza fino a qualche tempo fa. Come ha scritto anche Affaritaliani.it, sembra che la fusione tra Eni ed Enel, da mera suggestione e boutade da salott stia iniziando a prendere corpo. Non può essere una cosa che si verifica in due giorni, ma riaprirebbe la stagione delle grandi operazioni.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
banco bpmcrtpalenzonaunicredit





in evidenza
Iran, ecco Raisi prima dell'incidente fatale in elicottero: le foto del leader e del suo entourage

Ultimi scatti prima dello schianto

Iran, ecco Raisi prima dell'incidente fatale in elicottero: le foto del leader e del suo entourage


motori
Alfa Romeo presenta il nuovo store online

Alfa Romeo presenta il nuovo store online

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.