A- A+
Economia
Rete Tim, da Kkr un assist per Cdp: chiesta la proroga al 24 marzo

Rete Tim, Kkr chiede la proroga al 24 marzo dell'offerta

Nella serata di ieri 21 febbraio il cda di Tim ha ricevuto da parte del fondo americano Kkr una richiesta di proroga dell’offerta non vincolante. La scadenza era fissata per il 1° marzo, ma è stato chiesto di posticipare al 24 marzo. In particolare, secondo quanto riportato in un comunicato emesso dalla stessa Tim nella tarda serata di ieri, “la proroga del termine è dovuta ad una richiesta del Governo di disporre di ulteriori quattro settimane per effettuare una analisi congiunta degli aspetti pubblicistici dell’operazione concernenti i poteri esercitabili dal Governo nel settore. KKR ha tuttavia confermato la propria disponibilità a continuare un dialogo costruttivo con Tim e a procedere con le attività di due diligence”.

Proviamo a tradurre quanto scritto dall’ex-Telecom. La richiesta del governo di prendere tempo è un modo per ottenere due importanti risultati. Il primo è quello di smuovere Cassa Depositi e Prestiti. Come anticipato da Affaritaliani.it, infatti, il pericolo di un rilievo da parte dell’Antitrust è elevatissimo: Cdp detiene il 60% di Open Fiber e si rischierebbe quindi di dover cedere qualche asset per permettere quel regime concorrenziale che è parte integrante della normativa europea e base fondante del Pnrr

Non per niente, voci accreditate riferivano il 10 febbraio ad Affaritaliani.it che la soluzione poteva essere una compartecipazione tra Kkr (in maggioranza) e Cdp (in minoranza) nell’affaire rete. In questo modo non ci sarebbe stato alcun rilievo Antitrust e la Cassa, una volta che gli americani avessero effettuato la loro uscita, avrebbe potuto trovarsi in una posizione di maggioranza relativa analoga a quella di Terna. Fantafinanza? Mica tanto, e infatti nei palazzi romani prende sempre più piede questa ipotesi.

Il governo, dal canto suo, si è preso tempo anche per cercare di capire quanto siano disposti a scendere i francesi di Vivendi rispetto ai 31 miliardi di valutazione della rete. Arnaud De Puyfontaine, che all’epoca aveva fatto il prezzo, si è nel frattempo dimesso dal consiglio di amministrazione. E questa non è necessariamente una buona notizia. Avere le mani libere, senza alcun “rischio”, permette ai francesi di comportarsi da investitori puri. Interessati, com’è giusto che sia, esclusivamente a massimizzare la propria quota del 24% nell’azienda. 

C’è poi il tema della golden power: posto che la rete è un’infrastruttura strategica, come e in che modo il governo può far valere la propria primogenitura, in sostanza garantendosi il controllo senza avere la maggioranza assoluta? E qui si torna al possibile “tandem Cdp-Kkr. Che dovrà per forza mettere sul tavolo un’offerta che superi quella attuale – circa 27 miliardi complessivi tra cash e investimenti vari. L’obiettivo è quello di chiudere la partita in tempi rapidi. Il consiglio di amministrazione di Tim è confermato per il 24 febbraio, ma si tratterà inevitabilmente di una seduta interlocutoria. A meno che il giorno prima il cda di Cdp non decida di avanzare un'offerta. 

Servirà un altro tavolo, questa volta con una seggiola in più. Oltre alle istituzioni, a Cdp Equity a Tim (con Vivendi), infatti, bisognerà prevedere un posto per Kkr. Che cosa succederà? È probabile, alla fine, che una soluzione si troverà e che la rete unica, guidata dagli americani e orchestrata da Cassa Depositi e Prestiti, diventerà realtà. Ma quanta fatica. 
 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
cdpkkrretetimvivendi





in evidenza
Carico abbondante di neve in arrivo, altro che primavera

Inverno pieno

Carico abbondante di neve in arrivo, altro che primavera


motori
FIAT rivoluziona la mobilità con la nuova gamma ispirata alla Panda

FIAT rivoluziona la mobilità con la nuova gamma ispirata alla Panda

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.