A- A+
Economia
Stop alla Cannabis light: in fumo 3mila imprese italiane
Cannabis

Stop alla Cannabis light: in fumo 3mila imprese italiane

Secondo molti, un utilizzo (ben riuscito, ancora una volta) di un'arma di distrazione di massa da parte del governo Meloni. Il polverone sollevato dallo stop alla cannabis light da parte dell'esecutivo sta monopolizzando l’attenzione dei media. L’emendamento propone di cambiare la legge del 2016 a sostegno della filiera della canapa a uso industriale, ovvero quella con quantità di Thc compresa tra lo 0,2% e lo 0,6%, attualmente venduta in negozi specializzati. La coltivazione e il commercio della cannabis light verranno dunque puniti secondo le norme del Testo Unico sulle sostanze stupefacenti, equiparando di fatto la sostanza a quella non light con effetti psicotropi. Una proposta che arriva, con tempismo sospetto, proprio alle soglie delle elezioni europee.

La stretta sulla cannabis. Le opposizioni: "Chiuderanno 3mila imprese con 15mila lavoratori"

Il blitz dell’esecutivo ha scatenato immediate reazioni da parte dell’opposizione, che ha accusato il governo di strumentalizzare il dibattito sul disegno di legge a fini elettorali, in vista delle imminenti Europee. Secondo il segretario di +Europa Riccardo Magi, infatti, si tratta di una “spinta repressiva e punitiva immotivata, che avrà conseguenze drammatiche anche dal punto di vista occupazionale”. Della stessa idea anche Marco Furfaro, responsabile welfare e contrasto alle disuguaglianze nella segreteria del Pd, secondo cui l’emendamento anti cannabis light avrà conseguenze nefaste sui lavoratori di tale filiera. “Per provare a raccattare 4 voti alle Europee, chiuderanno 3mila imprese e 15mila lavoratori, per la gran parte giovanissimi, verranno licenziati». Così su X Furfaro, che aggiunge: “E se non ci pensa lo Stato, ci penserà la mafia. Il commercio illegale dilagherà, i delinquenti brinderanno a champagne mentre i lavoratori italiani saranno licenziati e le imprese oneste costrette a chiudere. Complimenti, Giorgia Meloni. Sempre dalla parte sbagliata della storia”.

Divieto di cannabis light: un settore in fumo

Quello della cannabis light in Italia è ormai un settore vivace e (sino ad oggi) assolutamente lecito, disciplinato dalla norma 246 del 2016. Lo stop proposto dal governo, in contrasto con la giurisprudenza che riguarda la canapa industriale, ora rischia di tagliare le gambe a migliaia di aziende e almeno altrettanti posti di lavoro. Con ripercussioni su tutta la filiera che si è generata. Nella sola provincia di Milano sono quasi 66mila i metri quadrati di terreno destinati alle infiorescenze. Nell’entroterra appenninico abruzzese e marchigiano, invece, la coltivazione della canapa ha permesso di riattivare terreni incolti e di mettere in moto piccole economie rurali. Tutte aziende adesso a rischio chiusura, per non parlare dei grow shop, ovvero i circa 800 negozi diffusi in tutta Italia dove poter acquistare legalmente cannabis e i suoi derivati. E mentre l’esecutivo cala la scure sulle attività legalizzate del settore, la cannabis continua ad essere acquistata nel nostro Paese tramite canali illegali dello spaccio. O banalmente su Amazon.

Salve le coltivazioni ad uso terapeutico: la aziende che sperano

Almeno in teoria, la proposta di modifica della legge non dovrebbe andare ad intaccare le aziende coinvolte nella produzione ad uso terapeutico. L’emendamento non dovrebbe dunque riguardare le 13 società italiane che hanno di recente superato la prima fase del bando di aggiudicazione del servizio di fornitura di piante di cannabis da conferire allo AID-Stabilimento chimico farmaceutico militare di Firenze. Il primo che dal 2015 ne ha avviato la coltivazione esclusivamente dedicata all’uso medico della sostanza, che trova applicazione in vari ambiti dalla sclerosi multipla, alla malattia di Parkinson dalla corea di Huntington alla sindrome di Gilles de La Tourette. Ma anche utilizzata per alleviare i sintomi di epilessia, nella terapia del dolore cronico, nella nausea e nel vomito da chemioterapia.

Il bando, lanciato dal Ministero della Difesa, si è chiuso soltanto a fine luglio 2022. Dopo che la Commissione, guidata da Lorenzo Margheriti, Anna Maria Serrilli (AIFA), Laura De Renzis (Ministero della Salute), Nicola Pecchioni (AID-SCFM), Luca Guandalini (AID-SCFM) e Rachele Sorrentino (AID), ha proceduto alla valutazione delle proposte societarie. Queste le aziende che hanno superato la prima fase di selezione e che sperano di rimanere incolumi dalla stretta del governo: Dolomiti Grow di Trento, attiva nella coltivazione di canapa, Casa Italia di Verona, che coltiva spezie e aromi, Just Feel Better Italian Farmers di Treviso, attiva nella riproduzione di piante e fiori, Pharma Puglia di Bari, che coltiva canapa, Farmalabor di Bitonto (Bari), azienda farmaceutica, Gruppo Padana di Treviso che si occupa di ortofioricultura, Agricola Moderna srl – SUNSPRING srl di Milano, dedite alla coltivazione di ortaggi in vertical farming, Laboverde Srl – Fioridoro Srl di Firenze, attive nella coltivazione di canapa, Vifra Srl di Latina, la cui attività primaria consiste nell’ortofioric0ltura, Erba del Chianti di Firenze, che coltiva canapa, S.A.L.A.R.S di Como, che produce farmaci, Meccanabis Soc. Agr. R.L di Monza – Tomato Più Srl, che coltivano canapa, Chevre di Alessandria, attiva nella coltivazione di canapa

L’Italia proibisce, la Germania legalizza

Mentre in Italia c'è la stretta nei confronti della cannabis, ampie parti del mondo sembrano andare nella direzione opposta. La Germania, ad esempio, ha recentemente intrapreso la via della legalizzazione. Col Cannabis Act il governo tedesco consente ai maggiorenni di possedere 25 grammi d’erba a scopo ricreativo. La nuova legge, inoltre, ne regola la coltivazione e la distribuzione attraverso i cosiddetti “cannabis club“: associazioni senza scopo di lucro, con un massimo di 500 membri ciascuno, legalizzate a partire dal 1 luglio 2024. “Legale ma rischioso”, è il titolo della campagna educativa di sensibilizzazione che accompagna il progetto di legge. L’obiettivo prioritario è tutelare la salute dei circa 4,5 milioni consumatori tedeschi, frenando il mercato nero e la distribuzione di sostanze contaminate con additivi tossici. Legalizzando l’erba, dunque, il governo tedesco è convinto di combattere la criminalità legata agli stupefacenti garantendo un prodotto sicuro, di alta qualità e regolamentato.






in evidenza
Bianca Censori regina alla Fashion Week. Le foto

Lady Kanye West sfila a Parigi

Bianca Censori regina alla Fashion Week. Le foto


motori
24 ore di Le mans, Porsche dona 911.000 euro con "Racing for Charity"

24 ore di Le mans, Porsche dona 911.000 euro con "Racing for Charity"

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.