A- A+
Economia
Tim, Labriola sotto pressione, ma assist dall'Ue: la netco vale un mld in più
Pietro Labriola, Arnaud De Puyafontaine, Stefano Donnarumma

Tim, Labriola sotto pressione

Felix The Cat
 

Il viaggio di Pietro Labriola a Parigi ha due obiettivi: il primo, più istituzionale, è quello di ragguagliare i francesi di Vivendi (azionisti di Tim con il 24% delle quote) sulle due offerte giunte fino ad ora per l’acquisto della rete unica. Da una parte c’è Kkr – in leggero vantaggio – dall’altra Cdp con Macquarie che però ha il grande problema del via libera Antitrust. I francesi però non ci sentono proprio e non hanno intenzione di dare l’ok a nessuna delle due proposte.

E dunque il viaggio a Parigi potrebbe tramutarsi anche in un redde rationem in cui Labriola viene congedato dai francesi che vogliono iniziare un nuovo corso, come ha già annunciato in modo neanche troppo velato Arnaud De Puyfontaine. Che cosa farà il manager pugliese? A quanto può riferire Affaritaliani.it Labriola sarebbe anche pronto a tornare in Brasile, dove ha guidato per anni Tim Brasil. Il manager, tra l’altro, è sposato con una carioca e non vedrebbe il ritorno a casa come una diminutio ma, anzi, come un’opportunità di liberarsi da quel frullatore in cui è entrato a gennaio dello scorso anno.

Assist Ue a Tim: può aumentare il prezzo dei servizi wholesale in base all'inflazione. E la netco vale un miliardo in più

Via libera dalla Commissione Europea alla delibera dell'AgCom che rivede al rialzo i prezzi regolati dei servizi di accesso all'ingrosso alle reti in rame di Tim per il 2023.  E' quanto si apprende da fonti vicine al dossier. Lo scorso ottobre AgCom aveva avviato una consultazione pubblica per la definizione  dei prezzi di accesso alla rete Tim (rame e fibra) per il 2022-2023, con l'obiettivo di coprire il periodo intercorrente tra l'ultimo anno incluso nella precedente 'Analisi di mercato', il 2021, e l'entrata in vigore della prossima che l'Authority dovrebbe completare entro l'anno in corso.
   
Secondo quanto si apprende, la Commissione, a cui l'Autorità aveva notificato il provvedimento a fine marzo, avrebbe dato l'ok all'adozione della delibera finale, pur trasmettendo ad AgCom alcuni rilievi su temi come il mancato adeguamento dei prezzi anche per il 2022 e la procedura da seguire in futuro per l'aggiornamento del costo medio ponderato del capitale (Wacc). Dalla Commissione, infine, sarebbe arrivata una moral suasion all'AgCom per un'azione più tempestiva nella revisione dei prezzi dei servizi regolati al fine di assicurare una maggiore certezza a tutto il mercato.

Secondo Bloomberg, infine, Tim è in attesa di ricevere nuove offerte, migliorative, sulla rete. Si vedrà.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
donnarummalabriolatimvivendi





in evidenza
Affari in rete

Guarda la gallery

Affari in rete


motori
Jeep Experience: un successo tra prestazioni Off-Road e accoglienza premium

Jeep Experience: un successo tra prestazioni Off-Road e accoglienza premium

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.