A- A+
Economia
Twitter, al via il licenziamento di massa: a casa quasi 4 mila dipendenti

Musk dà il via ai licenziamenti: i dipendenti cacciati di Twitter verranno avvisati per mail

Musk dà il via al licenziamento di massa. Dopo aver cacciato i vertici di Twitter, il nuovo patron del social network ha deciso di passare ai dipendenti. Oggi 4 novembre, nel pomeriggio, i lavoratori di Twitter riceveranno una notifica via e-mail sul loro possibile licenziamento.

Elon Musk li aveva informati con la prima comunicazione inviata a tutti i dipendenti dopo l’acquisizione del social network una settimana fa.

In un’e-mail non firmata era scritto: “Nel tentativo di mettere Twitter in salute, venerdì affronteremo il difficile processo di riduzione della nostra forza lavoro globale. Riconosciamo che ciò avrà un impatto su un certo numero di persone che hanno fornito preziosi contributi a Twitter, ma questa azione è purtroppo necessaria per garantire il successo futuro dell’azienda”.

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
musktwitter





in evidenza
Iran, ecco Raisi prima dell'incidente fatale in elicottero: le foto del leader e del suo entourage

Ultimi scatti prima dello schianto

Iran, ecco Raisi prima dell'incidente fatale in elicottero: le foto del leader e del suo entourage


motori
Alfa Romeo presenta il nuovo store online

Alfa Romeo presenta il nuovo store online

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.