A- A+
Spettacoli
Foo Fighters, morto il batterista Taylor Hawkins: spunta l'ombra della droga

Foo Fighters, addio allo storico batterista Taylor Hawkins. Nel 2001 a Londra era sopravvissuto a un'overdose di eroina 

Lutto nel mondo della musica: è morto a 50 anni lo storico batterista dei Foo Fighters Taylor Hawkins. La notizia del "tragico e prematuro" decesso del 50enne texano è stata data dalla stessa band americana di rock alternativo che si sarebbe dovuta esibire al Festival Este'reo Picnic, nell'ambito di un tour in Sudamerica. "Il suo spirito musicale e la sua risata contagiosa vivranno con tutti noi per sempre", hanno scritto i suoi compagni con un pensiero per la moglie Alison e i loro tre figli.

Il corpo è stato trovato in un hotel di Bogotà, in Colombia. "La polizia non si è sbilanciata sulla causa del decesso ma fonti vicine a Hawkins hanno riferito che sarebbe legata al consumo di droga", scrive l'Agi. "Da quanto è trapelato, lo staff dell'albergo ha chiamato i servizi di emergenza dopo che il batterista aveva accusato dolori al petto ma quando è arrivata l'ambulanza era già morto", riporta l'agenzia di stampa italiana. Il musicista nel 2001 a Londra era sopravvissuto a un'overdose di eroina che lo aveva lasciato in coma per due settimane e negli ultimi anni aveva parlato apertamente dei suoi problemi di droga. 

Alla notizia della morte del batterista decine di fan si sono radunati davanti all'albergo, nela zona di Casa Medina nel nord di Bogotà, accendendo candele. Hawkins, nei Foo Fighters, dal 1998, era il migliore amico del frontman Dave Grohl che aveva fondato la band nel 1994 dopo lo scioglimento dei Nirvana in seguito al suicidio di Kurt Cobain. Grohl, che dei Nirvana era il batterista, aveva deciso di diventare cantante e chitarrista del nuovo gruppo, lasciando quindi un'eredita' molto pesante sulle spalle di Hawkins reduce da un'esperienza come batterista di Alanis Morissette.

L'ultimo concerto dei Foo Fighters risaliva a domenica scorsa in un altro festival a San Isidro, in Argentina. L'ambasciata Usa a Bogotà ha espresso le sue "piu' sincere condoglianze" alla famiglia, agli amici e ai fan di Hawkins. Al Festival di Bogotà in cui si sarebbero dovuti esibire i Foo Fighters la notizia è stata accolta con profonda tristezza: qualche artista ha cantato "My Hero" della band. 

Leggi anche: 

" Guerra, Salvini: "Il Papa è una luce da seguire in un momento così buio"

Guerra, Romeo (Lega): "Papa fondamentale per arrivare alla pace"

La Lega ad Affari: Papa mediatore. Solo Francesco può fermare la guerra

Guerra, Fratoianni (SI): "Il Papa mediatore? Sarebbe una bellissima notizia"

Guerra, "la consacrazione di Russia e Ucraina alla Madonna porterà alla pace"

Guerra in Ucraina: molti russi con Putin, gli altri nel terrore. Il racconto

Generali, Calta promette più utili e 7 mld di M&A per "risvegliare il Leone"

Guerra Russia-Ucraina: "Fermiamoci!", il video che dice più di mille parole

L'arte all'estero. Sesana: "Con Generali proteggiamo le emozioni"

SEA, 2021 in ripresa: traffico passeggeri in aumento del 46,9%

Terna, presentato l’aggiornamento del Piano Industriale “Driving Energy”

Commenti
    Tags:
    drogafoo fighterstaylor hawkins





    in evidenza
    Francesca Verdini e Andrea Giambruno: la strana coppia beccata al bar

    Guarda le foto

    Francesca Verdini e Andrea Giambruno: la strana coppia beccata al bar

    
    in vetrina
    Affari in rete/ Miele alleato per la salute dell'uomo: ecco tutti i benefici

    Affari in rete/ Miele alleato per la salute dell'uomo: ecco tutti i benefici


    motori
    Citroën AMI e il Cubo di Rubik illuminano la Milano Design Week

    Citroën AMI e il Cubo di Rubik illuminano la Milano Design Week

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.