A- A+
Spettacoli
Vasco Rossi contro il governo: "Si va verso l'autoritarismo"

Vasco Rossi: "Vi racconto il mio rapporto con le droghe"

Vasco Rossi decide di raccontarsi senza censure, il rocker ha appena ritirato la "Pergamena della Città di Milano", per celebrare il suo legame con il capoluogo lombardo, a partire dal record di 36 concerti a San Siro. A consegnargli il riconoscimento è stato il sindaco Beppe Sala. Vasco ha aperto il suo cuore e con grande coraggio ha parlato anche delle difficoltà incontrate nella vita, non solo dei successi. Passa in rassegna senza timori il suo rapporto con gli stupefacenti: "Non ho mai usato l’eroina, l’ho sempre detto. Conoscevo il pericolo. Le sostanze che ho usato - dice Vasco a Il Corriere della Sera - le ho prese per fare di più quel che volevo fare, cioè scrivere canzoni e stare sveglio. Negli anni '80 con le anfetamine ho preso il volo, ma ero sempre cosciente. Ho sempre usato le sostanze e non mi sono mai fatto usare da loro".

Leggi anche: Vasco Rossi a San Siro: la scaletta e le informazioni sui concerti

Vasco Rossi affronta anche i temi della stretta attualità. A preoccuparlo sono diverse cose: "Dappertutto vedo il trionfo di questo populismo, di questo raccontare balle continuamente, dove contano solo le fake news. Ci stanno rimbambendo e già prima lo eravamo un bel po', ma adesso con i social la gente si è incattivita. La pandemia ha fatto esplodere questo delirio totale collettivo e io sono allibito. Poi - prosegue Vasco - sono preoccupato dall'Intelligenza Artificiale, credo che l’homo sapiens non abbia l’equilibrio necessario per gestire certe cose".

La guerra "andrebbe bandita dall’umanità", dice Vasco: "Il delirio completo che sta succedendo in Palestina non è accettabile, ma secondo me la guerra dovrebbe diventare un tabù. Quando uno dichiara guerra, andrebbe messo subito in manicomio".

Alla nostra premier, invece, durante i suoi show intende dedicare Asilo Republic: "L’ho scritta 40 anni fa, ma oggi è molto attuale. Adesso è il momento di Giorgia che dice che ci vuole più ordine e disciplina, quindi la cito dal palco — anticipa Vasco —. La canzone era un’allegoria degli anni 70, ma contiene concetti calzanti adesso che c’è questa direzione verso un certo tipo di autoritarismo e le libertà vengono derise. Il problema è questa derisione continua, tipica di quella che c’era negli Anni 20. Io vedo delle somiglianze notevoli".






in evidenza
Fini-Tulliani, il matrimonio è finito: tutta colpa della casa di Montecarlo. Rumor

L'accusa di tradimento è stata la mazzata finale

Fini-Tulliani, il matrimonio è finito: tutta colpa della casa di Montecarlo. Rumor


in vetrina
Il miele italiano sta scomparendo: il clima pazzo manda in crisi le api

Il miele italiano sta scomparendo: il clima pazzo manda in crisi le api


motori
La nuova CUPRA Formentor: l’evoluzione del successo nel segmento SUV coupé

La nuova CUPRA Formentor: l’evoluzione del successo nel segmento SUV coupé

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.