A- A+
Esteri
Accoglienza profughi: come aiutare bambini e famiglie in fuga dall'Ucraina

Profughi ucraini in tutta Europa

Il dramma della guerra tra Russia e Ucraina sta sollecitando una risposta solidale da parte dei tante famiglie italiane ed europee, che si sono rese disponibili ad ospitare i rifugiati ucraini in fuga dalle bombe. Per contribuire alla gestione di questo enorme flusso di profughi, in sole 48 ore è stata lanciata la piattaforma EU4UA, che aiuta le persone in fuga a trovare una sistemazione gratuita in Europa. Accessibile da qualsiasi computer o smartphone EU4UA è stata creata da quattro imprenditori tecnologici co-fondatori di Jobgether - il francese Arnaud Devigne, lo spagnolo Alexandre Hernandez, il belga Juan Bourgeois e il colombiano Alexis Rodriguez. Alla sua realizzazione hanno concorso oltre 200 persone del settore del tech in tutto il mondo. Chi si iscrive su www.eu4ua.org come host può offrire ospitalità condividendo la propria casa oppure mettendo a disposizione un alloggio non utilizzato. Solo in Europa sono 11 milioni le case che oggi risultano inoccupate. “Oggi già 1,5 milioni di ucraini, principalmente donne sole con bambini, hanno lasciato le zone di conflitto per arrivare in Europa, ma nelle prossime settimane potrebbero arrivare a 5 milioni - dicono da EU4UA - Di fronte a questa tragedia, milioni di famiglie europee hanno espresso la loro solidarietà e la volontà di aiutare. In assenza di soluzioni accessibili e efficienti, però, chi cerca una sistemazione ha difficoltà ad incontrare chi è disponibile ad offrirla”. 

Minori ucraini in Italia

E’ specificatamente rivolta all’accoglienza dei minori l’iniziativa di CONADI - Consiglio Nazionale Diritti Infanzia ed Adolescenza onlus. In risposta alle numerose richieste ricevute, l’ong con sede a Roma sta organizzando le disponibilità delle famiglie e dei single disposte ad ospitare bambini e ragazzi ucraini. Per proporsi, si deve scrivere una mail ad accoglienza@conadi.it, indicando: 1) Nome, cognome, residenza, numero di telefono; 2) Numero di bambini ospitabili (uno, due, o nucleo familiare), 3) Età del bambino ospitabile; 4) Presenza di altri minori o anziani o animali in casa; 5) Periodo di disponibilità all’accoglienza. Conadi tiene a sottolineare che questa disponibilità va intesa come accoglienza temporanea, che non si tratta di affido internazionale e che non c’è possibilitù che i bambini accolti vengano adottati in futuro. CONADI sta inoltre organizzando un ponte umanitario con l'Ucraina per favorire il ricongiungimento familiare dei bambini in fuga dalla guerra con le loro famiglie in Italia. Per aiutare l’ong a trovare bus, si può fare un bonifico sull' IBAN IT46O0200803284000105929416, intestato a CONADI con la causale AIUTI UKRAINA. “Utilizzeremo la tua donazione interamente per sostenere le ingenti spese necessarie a coprire i costi di noleggio degli autobus, ai carburanti ed ai pedaggi autostradali rendicontando tutto online con quella trasparenza che da sempre caratterizza la nostra organizzazione”, scrive CONADI sul suo sito ufficiale.
 

Leggi anche: 

" Gas, ecco il piano Ue per ridurre la dipendenza da "Zar Putin"

Guerra, "Rai? Tanti errori. Ad esempio Costamagna su Rai 3 con Agorà..."

Guerra, "Gruber voto 3, Formigli 4, Parenzo sottozero, Del Dubbio...". Pagelle

Guerra Ucraina, Corea secondo fronte? Seul al voto, Kim accarezza i missili

Boldi partecipa alla Festa della Donna con un pensiero per la moglie scomparsa

Il video di Salvini contestato in Polonia dal sindaco di Przesmyl. VIDEO

Unicredit scommette sulle donne: nuovi percorsi per le imprenditrici tech

Leonardo, nuovo accordo per la fornitura di convertiplani

Borsa Italiana per la giornata della donna: Ring the Bell for Gender Equality

Commenti
    Tags:
    guerra russia ucrainaprofughi





    in evidenza
    La vendetta di Taylor Swift in un brano: "revenge song" contro il suo ex

    L'attacco a Fernando Alonso

    La vendetta di Taylor Swift in un brano: "revenge song" contro il suo ex

    
    in vetrina
    Boom per Salone del Mobile 2024 e Fuorisalone: i numeri tornano ai livelli pre Covid

    Boom per Salone del Mobile 2024 e Fuorisalone: i numeri tornano ai livelli pre Covid


    motori
    Opel celebra 125 anni dalla nascita della produzione industriale dell’ auto

    Opel celebra 125 anni dalla nascita della produzione industriale dell’ auto

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.