A- A+
Esteri
Afghanistan, soldi dalla Russia hanno fatto uccidere militari Usa

Le 'taglie' offerte dai russi ai militanti collegati ai Talebani per uccidere forze della coalizione in Afghanistan hanno portato alla morte del diversi militari americani. Il Washington Post torna sullo scoop dei giorni scorsi del New York Times, dopo che Donald Trump ha smentito di essere stato informato della vicenda dall'intelligence Usa ed ha anche messo in dubbio la veridicità della notizia. Il Post riferisce inoltre che alti funzionari della Casa Bianca sono stati informati del programma lo scorso marzo, e la scorsa settimana sono stati informati anche i britannici, mentre i governi degli altri Paesi della Nato non sarebbero stati formalmente informati. Citando fonti dell'intelligence, il Post scrive che prove raccolte durante gli interrogatori di combattenti nemici da parte delle Forze Speciali, indicano un legame tra il programma di ricompense russo - che secondo Mosca non è mai esistito - a diversi attacchi in cui sono stati uccisi soldati americani, anche se non viene fornito un numero specifico. Nel 2018 sono stati uccisi 10 militari americani in attacchi in Afghanistan, 16 nel 2019 e due quest'anno. A questi vanno aggiunti i militari vittime di attacchi da parte di militari afghani, spesso infiltrati dei talebani.

Un portavoce del National Security Council ha detto al Post che "si continua a valutare la veridicità di queste accuse". Ma il giornale scrive che le informazioni ottenute durante gli interrogatori erano state già confermate dalla Cia prima che venissero riferite durante un incontro ad alto livello alla Casa Bianca avvenuto lo scorso marzo. Durante l'incontro, rivela ancora il Post, emerse un disaccordo su come reagire a questa informazione, con l'inviato speciale per l'Afghanistan, Zalmay Khalilzad, che voleva affrontare direttamente Mosca, mentre funzionari del consiglio nazionale sicurezza che erano contrari ad un'azione immediata. Trump ieri ha twittato che lui, il vice presidente Mike Pence e il capo dello staff MarkMeadows non sono stati mai informati dei "cosiddetti attacchi sulle truppe in Afghanistan da parte dei russi, come riportato da una fonte anonima del fake news New York Times". Fonti del Post, confermano che non è strano che il presidente non sia stato informato subito, "fino a quando non si è assolutamente sicuri dell'informazione". Ma ora, aggiunge la fonte, che la comunità d'intelligence Usa l'ha confermata, "la questione dovrebbe essere cosa fare di fronte ad una notizia del genere".

Loading...
Commenti
    Tags:
    afghanistanrussiamilitari usa
    Loading...
    in evidenza
    Elisabetta Canalis sexy da morire Costume leopardato. E il lato B...

    Belen, Diletta e... Le foto delle Vip

    Elisabetta Canalis sexy da morire
    Costume leopardato. E il lato B...

    i più visti
    in vetrina
    BELEN, LATO B IN BARCA: FOTO DA SOGNO IN MOTOSCAFO

    BELEN, LATO B IN BARCA: FOTO DA SOGNO IN MOTOSCAFO


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Di Silvestre, Presidente e A.D. BMW Italia SpA: si riparte dal cliente

    Di Silvestre, Presidente e A.D. BMW Italia SpA: si riparte dal cliente


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.