A- A+
Esteri
Bombe a grappolo a Kiev, la Nato "litiga" ma la pace è un miraggio. Commento

Guerra Ucraina, convenzione di Dublino e bombe a grappolo: il commento 

ll Presidente degli Stati Uniti d’America Joe Biden ha annunciato l’invio delle c.d. bombe a grappolo (cluster bombs), inasprendo ancor più i già tesi rapporti con la Federazione Russa. Fermo e risoluto il no dell’Italia espresso dalla Presidente del Consiglio dei Ministri Onorevole Giorgia Meloni (anche Gran Bretagna, Nuova Zelanda, Canada e Spagna hanno espresso la loro contrarietà), la quale ha ricordato come l’Italia sia parte della Convenzione sulle Munizioni a grappolo (Convention on Cluster Munitions) sottoscritta a Dublino il 30 maggio 2008 e che ha rappresentato il compimento del processo negoziale avviato ad Oslo nel febbraio del 2007.

LEGGI ANCHE: Bombe a grappolo dagli Usa a Kiev, gli alleati storici Canada-Uk si smarcano

La Convenzione è entrata in vigore il 01 agosto 2010, ad oggi è stata ratificata da 111 Paesi e firmata da 12: tra gli Stati che non l'hanno sottoscritta figurano Stati Uniti, Federazione Russa, Cina, India, Pakistant, e Brasile. Neppure la Repubblica d’Ucraina vi ha aderito.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
bombe a grappoloconvenzione duplinoguerra ucraina





in evidenza
Il Roma Pride compie 30 anni: Annalisa madrina e Elly Schlein al corteo. FOTO e VIDEO

Cronache

Il Roma Pride compie 30 anni: Annalisa madrina e Elly Schlein al corteo. FOTO e VIDEO


in vetrina
PIcchi fino a 40 gradi (ecco dove). Ma poi nubifragi e grandinate

PIcchi fino a 40 gradi (ecco dove). Ma poi nubifragi e grandinate


motori
Alpine sfida e delusione a Le Mans: ritiro doppio per guasti

Alpine sfida e delusione a Le Mans: ritiro doppio per guasti

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.