A- A+
Esteri
Cobalto, con l'Africa Xi mette le mani sull'auto del futuro. Usa-Ue in ritardo

Europa e Stati Uniti la considerano soprattutto un problema. La Cina invece la ritiene un'opportunità. L'Africa, immenso continente sull'uscio del territorio italiano, sarà un campo cruciale per la contesa commerciale, geopolitica, tecnologica tra Occidente e Pechino. Ma il vantaggio accumulato dalla Cina non sarà semplice da ridurre. Gli Stati Uniti si stanno accorgendo con forte ritardo della sua importanza, non solo sotto il profilo del peso diplomatico (quando si vota alle Nazioni Unite ogni paese vale uno, e avere dalla propria parte i 54 paesi africani può spostare gli equilibri), ma anche e soprattutto sotto il profilo commerciale e delle risorse minerarie.

CINA-AFRICA, 60 MILIARDI DI INVESTIMENTI

La dimostrazione plastica del vantaggio cinese è arrivata nel 2018, quando Donald Trump si chiede perché gli Stati Uniti avrebbero dovuto accogliere immigrati provenienti da "shithole countries". Poche settimane dopo, Xi Jinping avrebbe invece ricevuto con tutti gli onori a Pechino 53 leader e rappresentanti di Stati africani, escluso il re di eSwatini (l'unico stato del continente che ha mantenuto rapporti con Taiwan e dunque non ha relazioni diplomatiche con la Repubblica Popolare). In quell'occasione Xi Jinping ha annunciato 60 miliardi di dollari di investimenti in Africa tra progetti infrastrutturali, prestiti, fondi speciali. Una cifra monstre che è il coronamento di una politica portata avanti da anni e che ha reso Pechino un attore fondamentale per il futuro del continente. Progetti poi solo in parte ridimensionati dalla pandemia da coronavirus.

senza titolo 2
Fonte: ChinAfrica Journey di Lorenzo Riccardi

AFRICA, IL VANTAGGIO DELLA CINA COSTRUITO NEI DECENNI: IL FILO ROSSO TRA MAO E XI

Il vantaggio cinese è stato infatti costruito nei decenni. Già la Cina terzomondista di Mao Zedong punta sulla collaborazione con l'Africa, per il suo obiettivo dichiarato di mettersi a capo del cosiddetto "terzo mondo". Nel giugno 1965 arriva a Dar es Salaam, la capitale della Tanzania, il primo ministro Zhou Enlai. L'allora presidente della Tanzania Julius Nyerere apre le porte dell'Africa alla Cina maoista. Quasi 50 anni dopo, il 24 marzo 2013, nella stessa città arriva Xi Jinping, da poco nominato presidente. A riceverli il presidente della Tanzania, Jakaya Mrisho Kikwete, e una folla munita di bandierine. Dopo la visita in Russia dei giorni precedenti, è il primo viaggio internazionale di Xi, che da subito chiarisce il focus sulla presenza cinese nel continente.

Commenti
    Tags:
    cinaafricausaeuropajoe bidenrisorse mineralicobaltocongo
    Loading...
    in evidenza
    Wanda Nara, giungla "bollente" Foto che lasciano a bocca aperta

    Lady Icardi da sogno

    Wanda Nara, giungla "bollente"
    Foto che lasciano a bocca aperta

    i più visti
    in vetrina
    Meteo, c'è la data. Temporali e fresco tornano. Ecco quando

    Meteo, c'è la data. Temporali e fresco tornano. Ecco quando


    casa, immobiliare
    motori
    Mercedes-Benz GLE 350 de 4MATIC: come ritrovare il gusto del viaggio

    Mercedes-Benz GLE 350 de 4MATIC: come ritrovare il gusto del viaggio


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.