A- A+
Esteri
Russia, arrestato l'ideologo di Putin. Voci di golpe militare. Caos a Mosca

Un'ex spia del KGB che vive nel Regno Unito: "Putin perdendo completamente la testa"


La figura oscura di Vladislav Surkov, noto per tenere una foto del rapper statunitense Tupac accanto a una foto di Putin sulla sua scrivania, è detenuto agli arresti domiciliari in Russia.

Surkov, che ha 57 o 59 anni (non è chiaro alla stampa occidentale), è stato arrestato nell'ambito di un'indagine criminale ad ampio raggio che ha portato anche all'arresto di 150 agenti di sicurezza russi.

Il caso riguarda la presunta appropriazione indebita di quasi 4 miliardi di sterline da parte dei servizi di sicurezza per creare una rete di intelligence sotto copertura in Ucraina.

Surkov - ex vice primo ministro della Russia - ha contribuito a mantenere Putin al potere guidando l'intero sistema politico del paese.

Ha creato partiti politici di "opposizione" che, in realtà, erano controllati dal Cremlino, mentre ha anche fondato Nashi, l'equivalente russo della Gioventù hitleriana, con l'obiettivo di picchiare i sostenitori di quegli stessi partiti.

Una volta alla settimana - si legge sl sito www.thesun.co.uk - incontrava i capi dei canali televisivi russi, indicando loro chi attaccare e chi sostenere.

Descrivendo la sua missione di propaganda nel giugno dello scorso anno, Surkov ha detto al Financial Times: "La gente ne ha bisogno. La maggior parte delle persone ha bisogno che la testa sia piena di pensieri. Non nutrirai le persone con discorsi altamente intellettuali. La maggior parte delle persone mangia cibi semplici... In genere, la maggior parte delle persone consuma credenze dal significato molto semplice. Questo è normale. C'è l'alta cucina e c'è il McDonald's".

Surkov ha anche incoraggiato Putin a credere che l'Ucraina non sia un vero paese e in precedenza ha chiesto alla Russia di annettere non solo l'Ucraina, ma anche la Bielorussia, l'Estonia, la Lettonia e la Lituania.

È stato licenziato nel febbraio 2020 per divergenze politiche con il Cremlino, ma il suo arresto sembra essere un ulteriore segno che Putin si stia rivoltando contro i suoi ex alleati.

Pare che la sua detenzione sia collegata all'arresto di un alto funzionario dei servizi di sicurezza, il colonnello Sergei Beseda, ora detenuto nella famigerata prigione di Lefortovo a Mosca.

Si ritiene che Putin sia furioso per gli errori dell'intelligence in Ucraina, dopo anni di investimenti.

Il media russo Buninskaya Alleya ha riferito: "Sempre più fonti riferiscono che Vladislav Surkov sia agli arresti domiciliari. Le misure sarebbero state eseguite per appropriazione indebita nel Donbas dal 2014. Era Surkov il rappresentante del presidente russo in Ucraina".

Surkov è anche uno stretto alleato del signore della guerra ceceno Ramzan Kadyrov, il cui intervento in Ucraina ha causato enormi spaccature nella cerchia ristretta di Putin.

Kadyrov, come tenente generale della guardia nazionale russa, ha chiesto a Putin di invadere tutta l'Ucraina, a volte contraddicendo direttamente le dichiarazioni del governo russo.

Surkov, che è stato descritto come il "principale ideologo" di Putin, è stato l'ex vice capo dell'amministrazione presidenziale russa tra il 1999 e il 2011.

È accreditato di aver inventato l'idea di "democrazia sovrana" come copertura per l'autoritarismo.

Surkov ha ideato l'annessione della Crimea nel 2014, dopo aver chiesto la difesa dei russi che vivono oltre i confini del paese.

Una volta ha descritto il mondo russo come "ovunque dove le persone parlano russo e pensano come i russi, o dove rispettano la cultura russa".

Surkov ha anche detto dell'Ucraina: "Non c'è l'Ucraina. C'è l'Ucraina. Cioè, un disturbo mentale specifico. Un incredibile entusiasmo per l'etnografia, portato all'estremo".

Questa è la stessa linea adottata da Putin per giustificare la sua invasione militare.

Il suo arresto arriva mentre girano notizie secondo cui Putin si stia "preparando per un colpo di stato militare" dopo aver epurato 150 spie sulla disastrosa invasione russa dell'Ucraina.

Un Putin sempre più paranoico avrebbe quindi cercato qualcuno da incolpare mentre la sua invasione dell'Ucraina si impantana in un pantano.

Si dice che sia alla disperata ricerca di una sorta di successo militare in tempo per il Giorno della Vittoria il 9 maggio, uno dei giorni più significativi del calendario russo, quando si terrà una parata annuale nella Piazza Rossa di Mosca.

Boris Karpichkov, un'ex spia del KGB che ora vive in esilio nel Regno Unito, ha affermato che Putin sta ora "perdendo completamente la testa" sullo stato della guerra in Ucraina.

L'ex doppiogiochista, 62 anni, ha affermato a The Sun Online: "Putin ha perso la guerra prima ancora di iniziarla - ed è successo molto tempo prima che questa idea maniacale gli volasse nella testa malata. Si è rivelato essere uno psicopatico davvero fortemente ossessionato dalle idee paranoiche e dalle teorie del complotto contro se stesso e dalle minacce inesistenti che la Russia dovrebbe affrontare dal resto del mondo".

Leggi anche: 

" Pace fiscale, Gusmeroli (Lega): "Rottamazione quater per gli anni 2018-2021"

Biden non pensa prima di parlare. Così vanifica ogni tentativo di dialogo

Via Crucis, bufera sul Papa: "Non metta insieme famiglie russe e ucraine"

Cervesina, trovato un altro cadavere nel Po: è mistero

Attentato metro Brooklyn, filmata carta di credito. L'aggressore è un 62enne

Ucraina, Consigliere Zelensky: prove di stupri bambini a Bucha. VIDEO

Autostrade per l’Italia, Tomasi nominato presidente del consorzio Elis

Fondazione ICSA, organizzato convegno sulla cybersecurity

Commenti
    Tags:
    colpo di stato in russiacolpo di stato militare russiagolpe putinsurkov putin





    in evidenza
    Affari in rete

    Guarda la gallery

    Affari in rete

    
    in vetrina
    Royal Family/ Meghan Markle è "troppo nuda": polemica per la visita in Nigeria

    Royal Family/ Meghan Markle è "troppo nuda": polemica per la visita in Nigeria


    motori
    Jeep Experience: un successo tra prestazioni Off-Road e accoglienza premium

    Jeep Experience: un successo tra prestazioni Off-Road e accoglienza premium

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.