A- A+
Esteri
Draghi-Merkel, allineamento totale. Mario pronto a prendersi l'Ue post Angela

E dire che nel novembre 2011, quando venne nominato a capo della Banca Centrale Europea, i tedeschi erano a dir poco scettici su di lui. Soprattutto per il suo passaporto italiano. Quasi dieci anni dopo, invece, Mario Draghi non solo è apprezzato da quasi tutto l'arco parlamentare tedesco (elemento non trascurabile se si considera che a settembre in Germania si vota), ma soprattutto ha stretto un fortissimo legame con Angela Merkel.

Il feeling Draghi-Merkel

Un legame derivante dagli anni alla Bce, ma che sta venendo messo in pratica anche da quando Draghi è diventato il presidente del consiglio del governo italiano. Tra Mario e Angela il feeling è profondo. Basti pensare che, impossibilitato a partecipare alla colazione di lavoro dei membri del Consiglio europeo con il Segretario generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, Draghi ha delegato a intervenire proprio Merkel. Un atto di fiducia che dice più di molte parole.

"L'unica cosa su cui non siamo d'accordo è il calcio", ha detto Merkel in conferenza stampa a Berlino pochi giorni fa, dopo aver incontrato Draghi. Disaccordo che, visto il tabellone degli ottavi di finale degli Europei, potrebbe emergere solo in caso di una finale tra Italia e Germania, ma che per ora può essere tranquillamente sopito lungo il cammino che porta a Wembley.

Recovery e migranti: linea comune

Sul resto dei dossier l'unità di intenti è fortissima. A partire dal recovery, tema affrontato più volte da Draghi e Merkel a livello bilaterale in telefonate e incontri a margine di eventi multilaterali come il G7 di Cornovaglia. Anche sullo scomodo tema dei migranti, storicamente divisivo per due paesi con esigenze molto diverse, è emersa una linea comune. Nonostante l'Italia sia un paese di arrivo e la Germania sia protagonista più che altro di movimenti secondari.

Draghi e Merkel hanno convenuto sulla bontà del modello turco, cioè quel sistema attraverso il quale l'Unione Europea fornisce soldi (tanti, per l'esattezza 15 miliardi di euro dal 2002) alla Turchia di Erdogan per tenere sotto controllo la rotta mediorientale di migranti. Un sistema criticato da molti ma di cui difficilmente si può fare a meno e che i due leader hanno convenuto di ribadire (con ulteriori 5,7 miliardi da girare ad Ankara) e dover replicare anche in Africa, con lo stanziamento di fondi per i paesi di transito (Libia in primis) e di partenza, in particolare quelli turbolenti del Sahel (non a caso di recente i ministri Di Maio e Guerini si sono recati in Niger).

Commenti
    Tags:
    angela merkeldraghimariomigrantirussia





    in evidenza
    Fagnani in crisi con Mentana? L’indizio rivelatore che incuriosisce

    La coppia più famosa del giornalismo

    Fagnani in crisi con Mentana? L’indizio rivelatore che incuriosisce

    
    in vetrina
    Fuorisalone, la guida di Affari agli eventi della Milano Design Week 2024

    Fuorisalone, la guida di Affari agli eventi della Milano Design Week 2024


    motori
    Fiat: Partner di Torino Capitale della cultura d’impresa 2024

    Fiat: Partner di Torino Capitale della cultura d’impresa 2024

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.