A- A+
Esteri
Francia, Marine Le Pen può realmente vincere
Marine Le Pen

Oltre il 60% dei francesi non sarebbe favorevole a un fronte repubblicano contro la Le Pen come nel 2017


E in Francia è andata come preannunciato: Macron primo e Marine Le Pen a seguirlo. Ma un dato è potente e mette in crisi il sistema politico della Francia: la somma dei partiti antisistema supera il 50% e le prospettive sono di crescita, se si sommano i voti della Le Pen con Zemmour e Mélenchon si arriva ben oltre la metà di coloro che hanno votato. Dopo 5 anni la sfida resta la stessa e i due contendenti hanno 14 giorni, cioè sino al 24 aprile, per aumentare i consensi e vincere.

Nella realtà dei fatti la forbice tra Macron  e Le Pen è più ampia di quella del 2017 che vedeva la differenza di soli 2,7 punti (Macron al 24% contro Le Pen al 21,3 %)  mentre oggi Macron è al 27,6%, mentre le Pen al 23,41% , con uno scarto maggiore di 4,2 punti percentuali. Analizzando questo dato si potrebbe credere che la partita sia ben più facile per il Presidente francese ma, al contrario, il dato reale è molto più a favore per Marine le Pene che nel 2017.

Questa tornata elettorale ha visto la presenza di un altro candidato riconducibile a destra, il giornalista Zemmour che con il suo 7% che sommato ai voti del terzo partito dichiaratamente su posizioni di destra come Nicolas Dupont-Aignan – Debout La France portano Marin Le Pen a oltre il 30%.Il presidente Francese ha già avuto il sostegno da parte di molti partiti di centro e moderati di sinistra,  che però hanno raccolto una percentuale molto bassa al primo turno. Ma soprattutto è un sondaggio specifico a mettere un attimo di tensione a Macron e ai suoi sostenitori: oltre il 60% dei francesi non sarebbe favorevole a un fronte repubblicano contro la Le Pen come nel 2017. Seguendo i numeri della prima tornata elettorale saranno quindi i voti di Jean-Luc Mélenchon – La France Insoumise con il 21,95% e di Valérie Pécresse – Les Républicains con il 4,78% a decretare la vittoria del prossimo presidente francese.

Subito dopo i risultati elettorali Mélenchon ha dichiarato ben tre volte che nessuno deve votare Marine Le Pen, lo ha specificato in modo forte e chiaro perché sa che un terzo dei suoi elettori sarebbe propenso a dare forza al Candidato del Rassemblement National per sconfiggere Emmanuel Macron. Ma non è finita, Valérie Pécresse durante la campagna elettorale ha attaccato fortemente Macron rincorrendo spesso la destra più dura e questo fa presumere che sia possibile un accordo con Marine Le Pen.

Dati alla mano sembra che Marin le Pen abbia reali possibilità di vincere le elezioni presidenziali, basterebbe che si compattassero su di lei i voti possibili e che i due terzi di Mélenchon, candidato molto lontano da Macron, non andassero a votare per fra si che avvenga un cambio della presidenza della repubblica francese che comporterebbe un cambio di politiche verso la UE e il mondo.

Sino ad oggi Macron non ha girato tra la gente e la sua campagna elettorale è stata minima, la paura di un presidente come Marine Le Pen è tanta ma non come in passato e sarà a lei il compito di riuscire a convincere i francesi moderati a votarla o a stare a casa dandole l’opportunità di giocarsela coi voti della destra. Saranno due settimane intense per entrambi i candidati.

Fabrizio Fratus
Sociologo e Saggista

Leggi anche: 

"Governo, Draghi lascia (a breve). Elezioni dopo l'estate. Quasi fatta

Guerra Ucraina, conta solo la Russia. Occhi chiusi su altri regimi e dittature

Sondaggio, chi premier dopo le elezioni? I risultati. Classifica e tabella

Pd, in arrivo il nuovo libro di Bettini: è attesa la "bomba" sul partito

Pace o condizionatori? La terza via: che Draghi andasse via!

Guerra Ucraina, la Cina teme conflitto con gli Usa e accelera sul nucleare

Vino Made in Italy, fatturato record a 13 miliardi di euro

Casellati: "Gian Paolo Pasolini". No comment

BPER Banca, Mandelli: “Il mercato dei capitali è una sfida"

Gruppo FS Italiane: nuovo Parkin’ Station per la Stazione Centrale di Milano

Commenti
    Tags:
    elezioni francia le pen vittoria ballottaggio





    in evidenza
    Al via le riprese del primo docufilm sulla vita privata di Alberto Sordi

    Guarda le immagini

    Al via le riprese del primo docufilm sulla vita privata di Alberto Sordi

    
    in vetrina
    Meteo: freddo a ripetizione. Weekend gelido con neve

    Meteo: freddo a ripetizione. Weekend gelido con neve


    motori
    Alfa Romeo, dal DTM alle Super 2000 in scena al Museo Alfa di Arese

    Alfa Romeo, dal DTM alle Super 2000 in scena al Museo Alfa di Arese

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.