A- A+
Esteri
Elezioni Uk 2019: Boris Johnson, il Tory che vuole la Brexit anche se hard

Lui ama mettersi in scena come il salvatore della patria, un po’ come il Churchill del nuovo millennio. “Vuole essere visto come colui che ha traghettato il Paese attraverso un momento lacrime e sangue”, scrivono di lui i giornali. Sindaco di Londra per due mandati, Boris Johnson è nato a New York nel ’64 da una famiglia benestante nel cui albero genealogico si mescolano origini inglesi, turche, ottomane, russe, ebraiche, francesi e tedeschi.

Laureato in storia antica a Oxford, ex giornalista, due mogli e un numero imprecisato di figli, dopo aver conquistato Downing Street ai danni di Theresa May, si è posto ai britannici come se quella per la Brexit fosse una battaglia per la vita e la morte: “Starò morto nella tomba”, esclamò, piuttosto che chiedere ancora una volta l’estensione della scadenza dell’uscita dall’Ue. Richiesta che puntualmente arrivò lo stesso. Superate anche le critiche interne ai conservatori (alcuni ‘ribelli’ prima espulsi sono stati riammessi), in compenso il premier è riuscito nell’intento di indire nuove elezioni anticipate, allo scopo di far uscire il Parlamento dallo stallo.

Ma questo implica una maggioranza netta per i Tory: la quale - stando agli ultimissimi sondaggi - non è più così certa, nonostante la capacità che gli viene riconosciuta di sapersi rivolgere con semplicità all’”uomo della strada”. Ora si tratta di portare in fondo la partita della Brexit: ma nella ‘madre di tutte le battaglie politiche’ si infilano di continuo altri temi, ultimo dei quali la tenuta del Sistema sanitario nazionale britannico, che a detta dei laburisti BoJo intende svendere agli interessi privati americani. Non aiutano, in questo senso, le sue molte gaffe: l’ultima quando ha volutamente ignorato la foto di un bambino lasciato per terra per ore in un ospedale di Leeds, diventato il simbolo della malasanità inglese. Quanto queste ultime polemiche avranno pesato sulle scelte dei britannici, lo si vedrà solo ad urne chiuse.

Commenti
    Tags:
    elezioni ukelezioni inghilterraelezioni uk sondaggielezioni uk 12 dicembreelezioni regno unito sondaggielezioni gran bretagna sondaggiboris johnson no dealboris johnsonbrexit newsbrexit quandobrexit no dealbrexit johnsontorycorbyn sondaggicorbyn brexitcorbyn johnsonbrexit referendumscottish referendumreferendum scoziaelezioni uk 2019 risultatielezioni uk exit pollelezioni uk risultati definitivielezioni uk chi ha vintoelezioni uk chi vince
    in evidenza
    Messi il Re Mida del calcio 110 milioni per tre anni al PSG

    Neymar superato da Leo

    Messi il Re Mida del calcio
    110 milioni per tre anni al PSG

    i più visti
    in vetrina
    Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

    Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


    casa, immobiliare
    motori
    Nuova C3 sostiene la strategia di espansione internazionale di Citroën

    Nuova C3 sostiene la strategia di espansione internazionale di Citroën


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.