A- A+
Esteri
Germania,tante ombre sul post Merkel. Macron insidiato da polemisti e virologi

Del doman non v'è certezza. Lo sapeva già Dante secoli fa, lo stanno scoprendo anche Germania, Francia e con loro l'Europa. Nel giro di pochi mesi le due tradizionali locomotive del Vecchio Continente saranno costrette a viaggiare su nuovi binari. E non è detto che siano meglio di quelli vecchi, anzi. Nonostante quattro anni di tempo, a Berlino non si sono ancora davvero preparati a quello che avverrà dopo il prossimo 26 settembre, giorno delle elezioni. Soprattutto, la Germania non è ancora pronta a fare a meno di Angela Merkel.

Si potrebbe pensare che lo scettro di guida dell'Unione europea, detenuto da ormai tempo immemore dalla cancelliera, potrebbe passare a Emmanuel Macron. Ma il presidente francese si avvia alla conclusione del suo primo mandato, che non è escluso possa restare anche l'unico. Non c'è solo Marine Le Pen come sfidante: dopo il successo inaspettato alle elezioni regionali si sono rilanciati anche i ben più insidiosi Repubblicani di Christiane Jacob e all'orizzonte si stagliano anche le figure del noto polemista di destra Eric Zemmour e il virologo super star Philippe Juvin. Insomma, il futuro dell'asse franco tedesco, tradizionale pilastro dell'Ue, è avvolto da una serie di incognite.

ELEZIONI GERMANIA, CDU POST MERKEL IN CROLLO NEI SONDAGGI

Partiamo dalla Germania. A sei settimane dalle elezioni, i sondaggi restituiscono una fotografia impietosa per la principale forza politica del paese, la Cdu. Stando all'ultimo rilevamento di Forsa, l'unione Cdu-Csu ha perso ben tre punti percentuali nel giro di una settimana ed è precipitata al 23%. Un dato bassissimo e vicino al minimo storico di un partito che negli ultimi 16 anni è sempre stato al governo grazie ai quattro mandati alla cancelleria di Angela Merkel.

Le cause del crollo somno da attribuire alla debolezza degli eredi della Merkel. Negli ultimi anni, Frau Angela ha messo molta energia alla ricerca del suo erede. Prima era stata scelta Annegret Kramp-Karrenbauer, ma le sue continue gaffe l'hanno di fatto esclusa dalla corsa. La stessa Ursula von der Leyen, un'altra papabile, è stata scelta per la presidenza della Commissione europea ed è dunque impossibilitata a raccogliere il testimone di Merkel.

CDU POST MERKEL, L'EREDE ARMIN LASCHET NON CONVINCE I TEDESCHI

Dopo lunghi tentennamenti, è stato individuato Armin Laschet. Un nome che non entusiasmava tutti, anzi. La sua nomina a presidente della Cdu, avvenuta il 16 gennaio scorso, è arrivata con solo il 52% dei voti, davanti allo sfidante Friedrich Merz. E anche in questi mesi non è riuscito a raccogliere un consenso unanime, né all'esterno né all'interno del partito di maggioranza. Proprio lui potrebbe essere quello che paga maggiormente gli effetti della recente alluvione in Nord Reno-Vestfalia. Innanzitutto perché è il governatore del Land travolto dall'acqua. In secondo luogo a causa di un video in cui viene ripreso mentre ride sui luoghi del disastro. Inutile dirlo, il paragone con la Merkel è a dir poco impietoso.

ELEZIONI GERMANIA, L'INATTESO RILANCIO DELL'SPD DI OLAF SCHOLZ

Contestualmente, sembra essersi rilanciata l'Spd. I socialdemocratici erano stati dati per morti dopo i fallimenti degli ultimi anni ma ora sembrano in grande rimonta. Secondo gli ultimi sondaggi si sono issati al 19%, il dato più alto da aprile 2018. Gran parte del merito va a Olaf Scholz, che sembra raccogliere i frutti del suo lavoro da vicecancelliere e ministro delle Finanze. Un ruolo nel quale ha approntato un piano economico per contenere gli effetti della pandemia che è stato molto apprezzato dai tedeschi.

ELEZIONI GERMANIA, VERDI E SPD INSIDIANO LA CDU

Secondo tutti i rilevamenti, Scholz piace di più del suo partito. Non a caso al secondo posto dei sondaggi restano i Verdi di Annalena Baerbock, accreditati del 20%. Ma le incognite sul futuro politico della Germania restano, anche perché l'onda verde che sembrava pronta a travolgere il paese ha avuto un riflusso per qualche uscita a vuoto di troppo di Baerbock, che ha spaventato la fondamentale industria dell'automotive nazionale con qualche uscita poco bilanciata. 

ELEZIONI GERMANIA, LE POSSIBILI COMBINAZIONI DI GOVERNO. MA IL POST MERKEL FA COMUNQUE PAURA

Come potrà andare dopo il voto del 26 settembre? Le ipotesi sono sostanzialmente tre. La prima, e più tradizionale, è quella di una coalizione "Giamaica" che comprenda Cdu/Csu, i Verdi e i liberaldemocratici della Fdp, che possono tornare a giocare un ruolo fondamentale per la composizione del nuovo governo dopo esserne rimasti fuori negli ultimi otto anni. La seconda possibilità è invece una coalizione "nero verde", con la sola alleanza tra Cdu/Csu e Verdi qualora questi due partiti ottengano abbastanza voti per stare da soli. La terza possibilità, che fino a poco tempo fa sembrava impossibile, è quella di una coalizione "semaforo" che veda esclusa proprio la Cdu/Csu. In questo caso la grande coalizione sarebbe formata da Verdi, Spd e Fdp. 

Comunque vada, le ombre restano tante. Dopo la guida sicura e ferma di Angela Merkel, il futuro appare improvvisamente indecifrabile, anche per le grandi differenze di vedute che intercorrono tra i diversi partiti che possono comporre le diverse coalizioni, sia sulle politiche industriali che sulla linea da mantenere in politica estera.

Commenti
    Tags:
    germaniaangela merkelfranciaemmanuel macroneuropazemmourjuvinolaf scholz





    in evidenza
    Derby e scudetto all'Inter? No, Lopetegui nuovo allenatore

    Milan, l'incubo dei tifosi

    Derby e scudetto all'Inter? No, Lopetegui nuovo allenatore

    
    in vetrina
    Meteo, in arrivo un intenso peggioramento. Pioggia e freddo: ecco dove

    Meteo, in arrivo un intenso peggioramento. Pioggia e freddo: ecco dove


    motori
    Aston Martin DBX707: l'evoluzione del SUV di lusso

    Aston Martin DBX707: l'evoluzione del SUV di lusso

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.