A- A+
Esteri
Guerra Russia Ucraina, doppiopesismo Ue: ok solo ai profughi “en vogue”

 

Qual è l’azione di prima assistenza che i volontari stanno portando a questi profughi?

“Sul lato bielorusso, con le attiviste di Hope&Humanity Poland sosteniamo emotivamente ed economicamente le famiglie e tutte le persone che si ritrovano bloccate in Bielorussia senza più nulla: cosa che in questo momento ci è praticamente impossibile a causa delle sanzioni economiche e delle limitazioni nei trasferimenti bancari (ricordo che in territorio bielorusso non è consentita la presenza di ONG). Cerchiamo anche delle vie legali per portare queste persone in Europa, come siamo riuscite a fare per il caso della piccola Nza, una bimba di nove mesi con una grave patologia cardiaca che, insieme ai genitori, aveva vissuto l’inferno della foresta: è arrivata in Italia a febbraio e ha potuto sottoporsi all’intervento chirurgico d’emergenza che le ha salvato la vita. Sul lato polacco, diversi gruppi di attivisti portano aiuto umanitario alle persone che, magari dopo giorni nella foresta, riescono a uscire dai fili spinati: vestiti asciutti, sacchi a pelo, cibo, powerbank per i telefoni, l’occorrente per permettere la loro sopravvivenza nella foresta. Tutto ciò però è reso difficile dalla red zone, una zona larga circa tre chilometri che si estende su tutto il confine polacco, da nord a sud, nella quale è vietato l’accesso a chiunque, volontari, organizzazioni umanitarie, giornalisti, politici: solo gli abitanti locali possono circolare liberamente e salvare le persone che stanno morendo nella foresta, in una rete di solidarietà fortissima”.

 

Qual è il rischio della probabile chiusura del campo profughi bielorusso di Bruzgi e delle eventuali conseguenze sul flusso di profughi tra Bielorussia Polonia ed Ucraina?

“La settimana scorsa, alcuni militari sono entrati nel campo di Bruzgi, in Bielorussia, e hanno annunciato a tutte le persone che di lì a breve avrebbero dovuto andarsene: “o tentate la foresta, o andate in Ucraina, o vi deportiamo”. Come ci hanno riportato alcuni migranti che sono già rientrati a Minsk dopo aver fatto un tentativo, è impossibile entrare in Ucraina dalla Bielorussia. La scelta di molti è tentare la via della foresta: per questo sono tornata qui alla frontiera, a Pogorzelce, a pochi metri dalla zona rossa. Il numero di tentativi di passaggio sta aumentando sempre di più, e le persone che provano questo nuovo “game” sono i soggetti più vulnerabili, psicologicamente esausti e fisicamente deboli. Tutti coloro che sono rimasti bloccati in Bielorussia sono impossibilitati a tornare indietro, in patria, o per le condizioni di salute dei figli o per motivi di persecuzione politica o religiosa o perché a casa li attenderebbe il servizio militare obbligatorio (come per tutti i ragazzi in Siria).

Sono tutti profughi che scappano da altre guerre, da dittature, da nazioni con uno stato di violenza generalizzata. Due giorni fa sono stati lanciati dei missili dall’Iran a Erbil, la principale città del Kurdistan iracheno: la stessa notte tre famiglie del Kurdistan iracheno sono state respinte illegalmente dalle guardie di frontiera polacche e si trovano tutt’ora tra i fili spinati, in attesa di una salvezza che può arrivare solo con una decisione politica. L’Unione Europea continua sostenere che non può accettare i migranti strumentalizzati dalla Bielorussia. Nega però, in questo modo, il diritto della persona di chiedere asilo, come se la strumentalizzazione cancellasse il fatto che si tratta di rifugiati.

Noi che proviamo a portare aiuto su questo confine siamo spesso visti come dei criminali e rischiamo di essere accusati di favoreggiamento all’immigrazione clandestina: se ci spostiamo qualche decina di chilometri più a sud, invece, diventiamo degli eroi. Perché non posso organizzare anche io una macchina e andare a prendere questi rifugiati al confine tra Polonia e Bielorussia, o tra Bosnia e Croazia? Lo chiedo ai politici, a cuore aperto: perché? Dovete spiegarci questa differenza di trattamento tra rifugiati di guerre diverse, perché io non la capisco. Dovremmo pretendere tutti una risposta”.

 

Ed ecco che anche a noi che non siamo fisicamente sul freddo confine orientale del blocco NATO, come è ora Silvia Cavazzini, la risposta appare purtroppo chiara: la guerra in Ucraina sta facendo esplodere le contraddizioni e le malefatte non soltanto del regime totalitario retto monocraticamente da Vladimir Putin, ma anche quelle dei campioni della claudicante democrazia atlantica, che con disinvoltura ormai tragicamente eccessiva hanno vissuto di doppiopesismo endemico, con la scusa di un realismo ormai debordato oltre il cinismo, nella forra ancor più gelida della disumanizzazione, del male banale.

Ce lo possiamo permettere o sarà anche questo un danno liquidato come economicamente sostenibile?

 

 

Leggi anche: 

Guerra, Esercito italiano: congedi limitati. "Prontezza operativa al 100%"

Ucraina? Tutto scritto nel 2019 da Rand Corporation consulenti Usa anti Russia

Guerra Ucraina, dove conviene investire? Big tech e banche un "porto sicuro"

Lega, allarme sondaggi. Soglia al 15%, se va sotto... Ecco che cosa accade

"Covid non finito, Omicron 2 e 3 contagiosissime". Attenzione, "a novembre..."

Mantovani il day after l'assoluzione: "Berlusconi? Non mi ha chiamato"

Ucraina, il messaggio della giornalista russa eroina: mi vergogno

TIM è il nuovo partner strategico del progetto "Impact Deal"

BPER Banca, con la LIUC per formare i manager del futuro

Intesa Sanpaolo, apriranno due nuovi musei delle Gallerie d'Italia

Commenti
    Tags:
    guerra russia ucraina





    in evidenza
    Fazio annuncia 3 ospiti da urlo e una star di Sanremo. Nuovo colpo del Nove

    Che tempo che fa

    Fazio annuncia 3 ospiti da urlo e una star di Sanremo. Nuovo colpo del Nove

    
    in vetrina
    Milano/ Nuovo flagship store per Swarovski: oltre 500 metri quadri in Duomo

    Milano/ Nuovo flagship store per Swarovski: oltre 500 metri quadri in Duomo


    motori
    DS Automobiles, ordinabili in Italia le nuove Hybrid: DS 3 e DS 4

    DS Automobiles, ordinabili in Italia le nuove Hybrid: DS 3 e DS 4

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.