A- A+
Esteri
Guerra Ucraina, in arrivo nuove armi dall'Italia. Le aziende non mollano Mosca

L'Italia prepara l'invio di sistemi anti-missile e mezzi terrestri all'Ucraina

Pronto il decreto del governo Meloni. Come spiega La Stampa, nel provvedimento l’invio dei Lince da trasporto, artiglieria e mitragliatrici pesanti. La Stampa riporta le dichiarazioni di Guido Crosetto: "Ci aspettiamo nelle prossime settimane un inasprimento della guerra con un aumento esponenziale degli attacchi via terra che andranno ad aggiungersi a quelli missilistici portati dalla Russia in quest'ultimo periodo". Davanti a questo scenario preoccupante, "ogni nazione contribuirà fornendo materiale militare, ovvero batterie anti-missili e mezzi terrestri".

Commenta la Stampa: "L’Italia ha tenuto segreta la lista degli armamenti inviati all’Ucraina e quindi queste parole di Crosetto sono interessanti, perché pur senza entrare nel dettaglio, danno alcune indicazioni". Significativo anche per lo stop della Germania sui carri armati, che fa dire a Kiev di essere "delusa" dall'atteggiamento tedesco.

Ucraina, Metsola: "Subito i Leopard a Kiev o sarà l'Europa a perdere"

"L'Ucraina deve avere i Leopard 2". Lo dice Roberta Metsola alla Stampa, convinta che nella dotazione per Kiev devono essere compresi i carri armati tedeschi. "È importante che gli alleati si coordinino e procedano uniti - argomenta la presidente del Parlamento Ue - Sono stati presi altri impegni importanti e resto ottimista anche per quanto riguarda i carri armati, poiché questo è ciò che è necessario: sarà il logico passo successivo. Accolgo con favore la prontezza e gli impegni di Ramstein. Tuttavia, ciò di cui abbiamo urgente bisogno è leadership, accordo e un approccio unito per fornire carri armati Leopard 2 all'Ucraina. Ci sono molti Paesi europei pronti a farlo. Gli ucraini stanno coraggiosamente combattendo per la loro libertà e i nostri valori comuni. Hanno bisogno e contano su di noi. Non possiamo deluderli".

Nel frattempo, però, sul fronte aziendale sono in pochi quelli che lasciano davvero la Russia. Scrive il Fatto Quotidiano: "Subito dopo l’inizio della guerra, moltissime multinazionali americane ed europee avevano infatti annunciato di voler chiudere al più presto le loro attività in Russia. A quasi un anno dall’inizio del conflitto, i dati fotografano invece una realtà molto diversa. Sul totale delle aziende occidentali presenti in Russia a febbraio del 2022, oggi solo l’8,5% di queste ha disinvestito".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
armigoverno meloniguerra ucrainarussia





in evidenza
Von der Leyen rieletta, la lunga fila di eurodeputati in attesa di omaggiarla con abbracci e selfie

Home

Von der Leyen rieletta, la lunga fila di eurodeputati in attesa di omaggiarla con abbracci e selfie


in vetrina
Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico

Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico


motori
Nuova CUPRA Leon: arriva l’innovativo 1.5 e-HYBRID da 272 CV DSG

Nuova CUPRA Leon: arriva l’innovativo 1.5 e-HYBRID da 272 CV DSG

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.