A- A+
Esteri
Guerra Ucraina, dagli Usa: "La Russia importa tecnologia militare dalla Cina"
A sinistra il presidente della Repubblica popolare cinese Xi Jinping; a destra il presidente della Federazione russa Vladimir Putin

Nuove accuse alla Cina dagli Usa: "Esportata tecnologia militare in Russia"

Equipaggiamento, tecnologie all'avanguardia e parti di aerei caccia: Pechino sta aiutado in modo consistente Mosca nella guerra in Ucraina, bypassando le sanzioni internazionali. Lo scrive il Wall Street Journal sulla base di un'analisi di documenti doganali russi. Si tratta, per il resto, di beni che hanno uso duplice, militare e civile, che la Russia ha cominciato a importare dalla Cina fin dallo scorso anno, dopo l'invasione dell'Ucraina. Richiesto di un commento, il Cremlino si è limitato a rispondere, per bocca del portavoce Dmitry Peskov, in questo modo: "La Russia ha sufficiente potenziale tecnologico per provvedere alla propria sicurezza e portare avanti l'operazione speciale. Questo potenziale è costantemente aggiornato". 

Se è vero che Mosca riesce a provvedere da sola al proprio arsenale militare, è altretanto vero che ha bisogno di importare dall'estero una tecnologia dual-use, come i semiconduttori, essenziali nelle modalità contemporanee della guerra.    Non c'e' solo la Cina tra i paesi che di fato sostengono Mosca nel suo sforzo militare: i docunenti esaminati dal Wsj indicano anche un ruolo di Turchia e Emirati arabi uniti. I cinesi, però, fanno la parte del leone: il quotidiano fnanziario ha analizzato oltre 84.000 spedizioni elencate nei registri doganali russi, con tanto di date, mittenti, destinatari, acquirenti, indirizzi e descrizioni di prodotti. Ad esempio, la società cinese Poly Technologies, sotto il controllo statale e operante nel settore della difesa, ha spedito il 31 agosto del 2022 apparecchiature di navigazione alla russa Rosoboronexport per elicotteri da trasporto militare M-17.

E all'inizio dello stesso mese la società elettronica cinese Fujian Nanan Baofeng Electronic Co. ha fornito, ancora a Rosoboronexport, tramite una società statale uzbeka, un'antenna telescopica per veivoli militari, che viene utilizzata per il disturbo delle comunicazioni. Il 24 ottobre, invece, è stata l'azienda aeronautica statale cinese Avic International Holding Corp. a inviare a Ao Kret, una sussidiaria del gigante governativo russo Rostec, pezzi per un valore di 1,2 milioni di dollari per i caccia a reazione Su-35.     

Il tema del sostegno cinese a Mosca sarebbe stato al centro dell'incontro tra il Segretario di Stato americano Anthony Blinken e i vertici di Pechino questo fine settimana se la vicenda del pallone-spia non avesse fatto saltare il viaggio del capo del Dipartimento di Stato Usa in Cina.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
cinaguerra ucrainarussiausa





in evidenza
"Rose Villain? Goduria la sua voce sul nostro tappeto di chitarre"

Finley, l'intervista di Affari

"Rose Villain? Goduria la sua voce sul nostro tappeto di chitarre"


in vetrina
Immobiliare, la battaglia degli spot: Sherlock e Watson sfidano la nonna

Immobiliare, la battaglia degli spot: Sherlock e Watson sfidano la nonna


motori
Winkelmann CEO Lamborghini, prudente sulle BEV il primo modello arriverà nel 2028

Winkelmann CEO Lamborghini, prudente sulle BEV il primo modello arriverà nel 2028

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.