A- A+
Esteri
Guerra Ucraina, Kuleba: "L'Italia ci mandi armi. Il peggio deve ancora venire"

Guerra Ucraina, il ministro degli Esteri di Kiev: "L'Italia ci mandi armi"

"Come cristiano credo fermamente che Dio apprezzerebbe grandemente la visita del Papa a Kiev e noi lo accoglieremmo a braccia aperte". Così in una intervista al Corriere della Sera Dmytro Kuleba, ministro degli Esteri ucraino che al Papa chiederebbe "di pregare per noi e di esercitare la sua influenza sui circoli russi per cercare di porre fine a questa assurda e violenta guerra, che va contro il volere di Dio. Qui tanti cristiani muoiono, anche tanti cattolici che combattono al nostro fianco, e lui certo potrebbe portare loro conforto". La visita del Pontefice "la stavamo preparando da ben prima dello scoppio della guerra il 24 febbraio - racconta -. E adesso diventa anche molto più importante".

"Vorrei dire che coloro che rifiutano l'invio di armi all'Ucraina in realtà sostengono la continuazione della guerra - continua - Prima noi saremo in grado di espellere i russi e prima la guerra sarà finita. Noi apprezziamo molto Mario Draghi e il mio collega Luigi Di Maio: si sono schierati dalla parte giusta della storia sin dal primo giorno di guerra. Noi ci aspettiamo dall'Italia le armi necessarie a difenderci e siamo felici si sia assunta il ruolo di Paese guida nello sforzo di farci entrare in Europa come membro a pieno titolo. La loro scelta, infine, di farsi garanti della nostra sicurezza negli assetti eventualmente nati dal processo di pace è un segno di grande amicizia e serietà".

"Sappiamo che in Italia ci sono forze vicine a Putin: vorrei dire che ciò è immorale, illegale e politicamente perdente. Chi sta con Putin sostiene i crimini di guerra. Sulla questione garanzie, vorrei comunque rassicurare gli italiani: si possono trovare modi per cui le garanzie non comportano automaticamente il vostro coinvolgimento bellico diretto", spiega Kuleba- Siamo nel mezzo della guerra, il peggio deve ancora venire. L'Ucraina ha vinto la battaglia di Kiev, ma quella per il Donbass e nel Sud sta per cominciare e sarà terribile, devastante, lo prova tra l'altro lo scempio di Mariupol. Noi siamo pronti, non ci tireremo indietro e speriamo nel vostro sostegno", conclude.

Leggi anche: 

" Spese militari, sondaggio di Affaritaliani boccia la linea Draghi-Mattarella

Governo, Draghi a casa se Conte lo molla. Il Pd non ci sta, elezioni a giugno

Aumento spese militari, "la Lega è al fianco di Draghi". Intervista

Generali licenzia Cirinà: "Non leale".Calta porta già in dote 1 euro al titolo

Green Pass, Puzzer ad Affari: “Vogliono licenziarmi. Che mi arrestino...”

Ascolti TV ieri 29 marzo 2022: Ore 14 vola con il direttore Angelo Perrino

Paola Ferrari via da Rai: Sgarbi e La Russa la difendono. Sei d'accordo? FOTO

Ucraina, Antonio Razzi in missione al confine: "Non mi vogliono nel Paese". VIDEO

Digital Platforms: tecnologie e cybersecurity a supporto della società

Banca Ifis: lo sport in Italia vale 96 miliardi di euro. 3,6% del PIL

Banca Ifis, al via l'Osservatorio sullo Sport System italiano

Commenti
    Tags:
    crisi ucrainaguerra ucrainaterza guerra mondiale





    in evidenza
    Affari in rete

    Guarda la gallery

    Affari in rete

    
    in vetrina
    Djokovic re del tennis e del vino: "Produciamo syrah e chardonnay"

    Djokovic re del tennis e del vino: "Produciamo syrah e chardonnay"


    motori
    Ayrton Senna Forever: Omaggio al Campione al MAUTO

    Ayrton Senna Forever: Omaggio al Campione al MAUTO

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.