A- A+
Esteri
India, sale a 34 il numero delle vittime dell'edificio crollato a Mumbai

Sale a 34 morti il bilancio delle vittime del crollo di un palazzo avvenuto ieri nel quartiere di Bhandi Bazaar a Mumbai, nell'India centrale. Lo riferisce l'agenzia di stampa Ani, aggiungendo che 13 persone sono state estratte vive.

I feriti sono 15. I soccorritori continuano a scavare tra le macerie dell'edifico, vecchio di quasi 120 anni, ma ormai secondo la Forza di intervento per la risposta ai disastri (Ndrf) indiana se mbra che non vi siano più speranze di trovare superstiti. Ieri, in un comunicato il comune di Mumbai aveva ricordato che l'edificio in questione, denominato Husseini Building, era stato costruito nel Bhendi Bazaar della citta' 117 anni fa. Secondo l'emittente CnnNews18, il palazzo aveva la categoria C-1 degli edifici "molto pericolosi".

Tags:
indiaedificio crollato mumbai
in evidenza
Messi il Re Mida del calcio 110 milioni per tre anni al PSG

Neymar superato da Leo

Messi il Re Mida del calcio
110 milioni per tre anni al PSG

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
SEAT MÓ eScooter 125: il primo motociclo elettrico della Casa di Barcellona

SEAT MÓ eScooter 125: il primo motociclo elettrico della Casa di Barcellona


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.