A- A+
Esteri
Iran, scarcerato il regista dissidente Panahi. Obiettivo: non farne un martire
Scena tratta dal film "Gli orsi non esistono" del regista iraniano Jafar Panahi

Scarcerato dopo 7 mesi il regista Panahi, ma l'Iran non sta allentando la presa sui dissidenti

Il regista iraniano Jafar Panahi è stato rilasciato su cauzione due giorni dopo aver iniziato uno sciopero della fame per protestare contro la sua detenzione, durata quasi sette mesi.  Il regista era stato arrestato mesi prima che scoppiassero le attuali proteste contro il regime, ma la sua prigionia è diventata un simbolo della difficile situazione degli artisti che si sono opposti alle autorità. Panahi è stato rilasciato dalla prigione di Evin a Teheran "due giorni dopo aver iniziato il suo sciopero della fame per la libertà", ha scritto su Twitter il Centro per i diritti umani in Iran (CHRI) con sede negli Stati Uniti, mentre il quotidiano riformista iraniano Shargh ha pubblicato un'immagine di Panahi che abbraccia giubilante un sostenitore.    

Sua moglie Tahereh Saeedi ha postato su Instagram una foto di Panahi che lasciava la prigione su un veicolo. Il regista pluripremiato è stato arrestato a luglio e mercoledì ha intrapreso uno sciopero della fame a secco per protestare contro la sua continua detenzione.    

"Jafar Panahi è stato temporaneamente rilasciato dalla prigione di Evin grazie agli sforzi della sua famiglia, di rispettati avvocati e rappresentanti del cinema", si legge in una nota della Casa del cinema iraniana, che raggruppa professionisti del settore. L'annuncio che Panahi avrebbe intrapreso uno sciopero della fame secca ha suscitato un'ondata di preoccupazione in tutto il mondo per il regista, che ha vinto premi in tutti i tre festival cinematografici più importanti d'Europa.    

"Oggi, come molte persone intrappolate in Iran, non ho altra scelta che protestare contro questo comportamento disumano con il mio bene più caro: la mia vita", aveva detto Panahi nella dichiarazione pubblicata dalla moglie. "Rimarrò in questo stato fino a quando forse il mio corpo senza vita non sarà liberato dalla prigione", ha detto.

Jafar Panahi, 62 anni, era stato arrestato l'11 luglio e avrebbe dovuto scontare una condanna a sei anni comminatagli nel 2010 dopo la sua condanna per "propaganda contro il sistema". Il 15 ottobre, la Corte Suprema ha annullato la condanna e ha ordinato un nuovo processo, alimentando le speranze del suo team legale che potesse essere rilasciato, ma è rimasto in prigione.     

Panahi ha vinto il Leone d'Oro alla Mostra del Cinema di Venezia nel 2000 per il suo film "The Circle". Nel 2015 ha vinto l'Orso d'oro a Berlino per "Taxi Tehran", e nel 2018 ha vinto il premio per la migliore sceneggiatura a Cannes per "Tre facce".    L'ultimo film di Panahi, "No Bears", che come gran parte dei suoi lavori recenti ha come protagonista lo stesso regista, è stato proiettato alla Mostra del cinema di Venezia del 2022 quando il regista era già dietro le sbarre. Ha vinto il Premio Speciale della Giuria.   

"È straordinario, un sollievo, una gioia totale. Esprimiamo la nostra gratitudine a tutti coloro che si sono mobilitati ieri", ha detto  il suo distributore francese, il produttore Michele Halberstadt. "La sua prossima battaglia è far riconoscere ufficialmente l'annullamento della sua condanna. È fuori, è libero, e questo è già fantastico".    

L'arresto di Panahi a luglio è avvenuto dopo che aveva partecipato a un'udienza in tribunale dove era imputato il collega regista Mohammad Rasoulof, che era stato arrestato pochi giorni prima. Rasoulof è stato scarcerato il 7 gennaio dopo aver ottenuto una licenza di due settimane per motivi di salute e si ritiene che sia ancora fuori dal carcere.   

Personaggi del cinema sono stati tra le migliaia di persone arrestate dall'Iran nella sua repressione delle proteste scatenate dalla morte il 16 settembre in custodia di Mahsa Amini, 22 anni, che era stata arrestata per presunta violazione del suo rigoroso codice di abbigliamento per le donne. L'attrice protagonista Taraneh Alidoosti, che aveva pubblicato proprie immagini di se stessa senza il velo islamico, era tra le persone arrestate, anche se è stata rilasciata all'inizio di gennaio dopo essere stata trattenuta per quasi tre settimane.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
iranpanahi





in evidenza
Top 100 Informazione online: boom di Affaritaliani.it a gennaio (+33%)

La classifica comscore

Top 100 Informazione online: boom di Affaritaliani.it a gennaio (+33%)


in vetrina
Puglia, gelato da vegetali fermentati: a Polignano a Mare il nuovo ice-cream

Puglia, gelato da vegetali fermentati: a Polignano a Mare il nuovo ice-cream


motori
Opel Experimental: ridefinisce il futuro dell'illuminazione automobilistica

Opel Experimental: ridefinisce il futuro dell'illuminazione automobilistica

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.