A- A+
Esteri

Continua inarrestabile la sequela di massacri a opera dell'Isis a Sirte, in Libia. Quattro persone sono state 'giustiziate' nella citta' natale di Muammar Gheddafi, che gli uomini del sedicente califfo Abu Bakr al Baghdadi controllano dopo giorni di intensi scontri contro miliziani salafiti e la tribu' al Ferjani. Tra queste una presunta spia della formazione rivale Alba Libica, che controlla Tripoli. L'esecuzione di quest'ultimo e' stata ripresa in un video in cui l'uomo, che indossa la tuta arancione comune alle vittime decapitate da Isis in Siria e Iraq, colpito a morte da diversi colpi, e' legato ad una croce improvvisata. Il corpo, come altre volte, e' stato lasciato esposto sul posto come ammonimento.
   Solo il 15 agosto l'Isis aveva prima decapitato e poi crocefisso i corpi di 12 combattenti delle milizie salafite. Tali feroci azioni hanno tutte un valore monitorio: come la grande gabbia di ferro che sarebbe stata piazzata nel mercato di ar Rutba, citta' irachena nella provincia occidentale di al Anbar, a circa 110 chilometri dal confine iracheno-giordano e iracheno-saudita. Testimoni oculari hanno riferito che i jihadisti vogliono rinchiudere nella gabbia in ferro battuto eventuali trasgressori delle rigide leggi imposte alla popolazione locale. L'Isis ha ostentato piu' volte l'uso di gabbie per eseguire torture e sentenze di morte, come nel caso del pilota giordano Muath Kasasbeh, arso vivo in una prigione di ferro lo scorso 3 gennaio. E nelle ultime ore ha diffuso varie immagini della distruzione dello storico tempio di Baal, situato nell'area archeologica della citta' siriana di Palmira, e che e' stato ridotto in macerie. Nelle immagini, la cui autenticita' non e' confermata, si vede il momento in cui il tempio, risalente a 2.000 anni fa, sarebbe esploso, e lo stato in cui e' ridotto.
   Intanto, le polizie di Spagna e Marocco hanno arrestato in un'operazione congiunta tra San Martin de la Vega (Madrid) e varie citta' marocchine 14 persone accusate di far parte di una rete di reclutatori di combattenti per l'Isis. Oltre che nell'area metropolitana madrilena, gli arrestati sono stati effettuati in Marocco a Fes, Casablanca, Nador, Al Hoceima e Driouch. L'inchiesta e' ancora in corso - ha spiegato il ministero dell'Interno - e ha riguardato una rete di estremisti che attirava e inviava 'foreign fighters' nelle fila dell'Isis della regione siro-irachena sotto il controllo del 'califfato'. Quest'anno in Spagna sono state realizzate una ventina di operazioni contro il terrorismo jihadista, che hanno portato a una cinquantina di arresti circa.

Tags:
isisarrestispagnamarocco
in evidenza
Paola Ferrari in gol, sulla barca "Niente filtri". Che bomba, foto

Sport

Paola Ferrari in gol, sulla barca
"Niente filtri". Che bomba, foto

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Peugeot rinnova la gamma 508

Peugeot rinnova la gamma 508


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.