A- A+
Esteri
La Tunisia si sfila: disfatta Meloni. Salta il piano sugli sbarchi di migranti
Tunisia, Saied respinge la proposta dell'Ue sui migranti. Foto Lapresse

Migranti, la Tunisia esce dall'accordo e lascia l'Italia con il cerino in mano

Non arrivano buone notizie sulla questione Memorandum con la Tunisia. L'accordo tra l'Europa e il presidente Saied è di fatto saltato. Prevedeva aiuti economici in cambio di un contenimento del flusso di migranti verso le coste italiane ed era stato fortemente sponsorizzato dalla premier Meloni. L'accordo - si legge su Repubblica - sta collassando sulla parte economica. Sui fondi che l’Ue ha promesso al presidente tunisino Saied. Risorse che in parte sono ancora ferme a Bruxelles e in parte sono rifiutate proprio dal Paese africano. Risultato: la collaborazione nella lotta alla migrazione clandestina è a dir poco sospesa.

L’intesa firmata a luglio dalla presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, dalla presidente del consiglio, Giorgia Meloni, dal premier olandese Rutte, infatti, si basa su alcuni capisaldi che puntano a stabilizzare i conti tunisini e promuovere le riforme La questione, quindi, - prosegue Repubblica - è propria questa. Nei contatti intercorsi nelle ultime ora tra la Commissione e il governo di Saied, i rappresentanti tunisini hanno di fatto congelato l’intesa. Perché? Per due motivi. Il primo riguarda lo stanziamento di 150 milioni di euro volto a stabilizzare il bilancio del Paese africano. Una erogazione senza condizioni. Che però ancora non è stata effettuata.

Leggi anche: Guerra Ucraina, la Russia mette in vendita l'appartamento di Zelensy in Crimea

Leggi anche: Usa, impeachment e figlio incriminato: altro che candidatura, Biden azzoppato

L’esborso, hanno spiegato a Palazzo Berlaymont, "tocca il budget annuale 2023 della Commissione" e "la procedura per la sua approvazione è soggetta al Coreper", ovvero al comitato che riunisce i Rappresentanti dei 27. E il Coreper non ha ancora dato il via libera. Poi c’è una seconda tranche che ammonta a circa 200 milioni. Una liquidità condizionata alla presentazione di progetti. Infrastrutture, mezzi per la Guardia Costiera, formazione. Ma in questo caso è l’esecutivo tunisino ad aver comunicato agli interlocutori di Bruxelles che questa formula non può funzionare. Sostanzialmente Tunisi chiede di ottenere queste risorse senza condizionalità e facendole entrare direttamente nel Bilancio nazionale.

Iscriviti alla newsletter





in evidenza
Ferragnez, dalle stelle al divorzio: c'è una donna dietro la rottura

E non è Selvaggia Lucarelli. Ecco chi è

Ferragnez, dalle stelle al divorzio: c'è una donna dietro la rottura


in vetrina
Mozzarella, la più buona è al discount: ecco i marchi migliori (e peggiori). Lista

Mozzarella, la più buona è al discount: ecco i marchi migliori (e peggiori). Lista


motori
Citroën, nuova C3 Aircross reinventa il mercato dei SUV compatti

Citroën, nuova C3 Aircross reinventa il mercato dei SUV compatti

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.