A- A+
Esteri
Nuova guerra fredda? Tecnologica e a colpi di chip. Coinvolta anche l'Italia

Così piccoli, eppure così grandi. I semiconduttori sono un capitolo cruciale della competizione geopolitica del futuro, che in realtà è già presente. Alla base di tutti i principali dispositivi elettronici, più sono microscopici e più sono preziosi. Le vere armi dello scontro tecnologico in atto tra Stati Uniti e Cina, con l'Europa che sta cercando faticosamente di ritagliarsi uno spazio di autonomia tecnologica (e dunque strategica) tra i due contendenti. Perché sono così importanti? Costituiscono l'irrinunciabile base della composizione di tutti i dispositivi elettronici, compresi settori strategici per l'economia del futuro come le auto elettriche o a guida autonoma, ma sono fondamentali anche per lo sviluppo militare di nuova generazione.

Le mosse di Usa e Cina sui semiconduttori

Due mosse nel giro di poco più di 24 ore dei due governi delle due principali potenze mondiali chiariscono ancora una volta, se ce ne fosse stato bisogno, di quanto siano importanti i semiconduttori. Prima il maxi piano di investimenti nel settore tecnologico approvato dal Senato degli Stati Uniti. Dei 250 miliardi totali, 52 sono dedicati esclusivamente allo sviluppo dell'industria americana dei semiconduttori. Non solo. Tutte le recenti mosse dell'amministrazione Biden (e di quella Trump prima di lui) sono volte a creare una catena di approvvigionamento che escluda di fatto la Cina. Durante il suo viaggio in Europa, Biden affronterà anche il tema dell'alleanza tecnologica sui semiconduttori con i partner del Vecchio Continente.

Se Washington chiama, Pechino risponde. In concomitanza con l'annuncio del piano Usa, il media cinese Caixin ha rilasciato i dati degli investimenti del Dragone nel settore dei semiconduttori, che nel 2020 hanno raggiunto la cifra di 35,2 miliardi di dollari. Un aumento monstre del +407% rispetto alla cifra spesa nel 2019. Se si passa al 2021, nei primi cinque mesi dell'anno in Cina si sono registrate 15 mila e 700 nuove aziende operanti nell’industria dei semiconduttori, dalla progettazione alla produzione di chip.

Cina, cifre monstre sui semiconduttori

SMIC, la fonderia più avanzata della Cina continentale, ha conquistato la quota maggiore del mercato globale e case automobilistiche come BYD e Xiaomi hanno annunciato piani ambiziosi per espandersi nel settore dei chip. La produzione di circuiti integrati (IC) in Cina è aumentata di quasi il 30% rispetto al 2020, raggiungendo 28,7 miliardi di unità, e Pechino ha recentemente aumentato anche le importazioni, che sono cresciute del 30% nei primi cinque mesi del 2021 rispetto allo stesso periodo del 2020, raggiungendo 260,35 miliardi di unità per un valore di 1,04 trilioni di yuan (162,5 miliardi di dollari). L'obiettivo del governo cinese è arrivare a produrre il 70% del fabbisogno interno di semiconduttori entro il 2025. Impresa non semplice.

Commenti
    Tags:
    semiconduttoricinausachiptecnologia
    Loading...
    in evidenza
    Wanda Nara, giungla "bollente" Foto che lasciano a bocca aperta

    Lady Icardi da sogno

    Wanda Nara, giungla "bollente"
    Foto che lasciano a bocca aperta

    i più visti
    in vetrina
    Meteo, c'è la data. Temporali e fresco tornano. Ecco quando

    Meteo, c'è la data. Temporali e fresco tornano. Ecco quando


    casa, immobiliare
    motori
    Alfa Romeo: Giulia e Stelvio Web Edition, pensate per l’e-commerce

    Alfa Romeo: Giulia e Stelvio Web Edition, pensate per l’e-commerce


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.