A- A+
Esteri
Tecnologia, migranti, Cina, virus: Biden è come Trump, ma non si può dire

Un maxi piano dell'innovazione per contenere la Cina e promuovere l'autarchia tecnologica. "Non venite, non venite" rivolto agli aspiranti migranti dell'America centrale. L'indagine e le nuove (per ora solo presunte) prove sul coronavirus che ha causato la pandemia da Covid-19 creato in laboratorio. Chi fosse stato su un altro pianeta negli ultimi otto mesi, leggendo queste azioni in riferimento al presidente degli Stati Uniti, darebbe per scontato che a vincere le elezioni dello scorso 3 novembre sia stato Donald Trump.

Biden resta anti cinese, come e più di Trump

E invece no. Quel mix di protezionismo, chiusura all'immigrazione, ideologia anti cinese e complottismo sull'origine del virus deriva da Joe Biden. Proprio lui, il candidato e poi presidente democratico presentato da molti come l'alfiere della vera America e fautore del suo ritorno alla "civiltà" dopo gli anni "into the wild" di Trump e del suo "America first". 

Nulla di tutto questo. Biden sta seguendo la linea Trump su diversi dossier, escluso quello legato all'Iran. E, certo, ha cambiato i modi di porsi nei confronti di alleati e partner. Il neo presidente ha mostrato la volontà di essere più inclusivo nei confronti di Unione europea e partner asiatici, a partire dal Giappone e dalla Corea del sud, in ottica anti cinese. 

Biden revoca i decreti di Trump su TikTok e WeChat, ma solo per un intervento più ampio

Non tragga in inganno l'ultima mossa, vale a dire la revoca dei decreti presidenziali di Trump contro TikTok e WeChat. L'intenzione di Biden non è quella di accendere il semaforo verde alle app cinesi, bensì di approntare un intervento più ampio e strutturato. Tanto è vero che la decisione della Casa Bianca è accompagnata dalla richiesta al dipartimento del Commercio di valutare le app collegate a "un paese avversario e di "agire in modo appropriato". La valutazione sarà necessaria su tutte le app "che sono sviluppate, prodotte o fornite, di proprietà, controllate o soggette alla giurisdizione di un avversario, compresa la Repubblica popolare cinese, che possano presentare un rischio eccessivo o inappropriato per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti e degli americani". I decreti di Trump contro TikTok e WeChat erano peraltro stati già bloccati in tribunale. Quindi piuttosto che un passo indietro quello di Biden è un cambio di gioco per avere un intervento più strutturato.

Commenti
    Tags:
    usajoe bidendonald trumpcinacoronaviruscovid 19migrantikamala harriswuhanlaboratorio wuhan





    in evidenza
    Al via le riprese del primo docufilm sulla vita privata di Alberto Sordi

    Guarda le immagini

    Al via le riprese del primo docufilm sulla vita privata di Alberto Sordi

    
    in vetrina
    Milano/ Nuovo flagship store per Swarovski: oltre 500 metri quadri in Duomo

    Milano/ Nuovo flagship store per Swarovski: oltre 500 metri quadri in Duomo


    motori
    Citroën inaugura a Parigi “Le Chëvron” per presentate la nuova e-C3

    Citroën inaugura a Parigi “Le Chëvron” per presentate la nuova e-C3

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.