A- A+
Esteri
Tajani in Cina per lanciare il commercio. Ma c'è l'ombra della Via della Seta

Cina, arriva Tajani per rilanciare il commercio. Nonostante l'uscita probabile dalla Via della Seta

Gettare le basi per l'uscita dell'Italia dalla Via della Seta, evitando allo stesso tempo una rottura con la seconda economia mondiale. E, anzi, cercando di rilanciare le relazioni commerciali a livello bilaterale. Possibile riuscirci? La risposta arriverà dalla visita di Antonio Tajani, che si trova in Cina fino a martedì 5 settembre in una missione molto delicata. Il governo Meloni ha infatti ormai deciso di uscire dalla Belt and Road Initiative. Troppi i rischi legati alla percezione occidentale della postura italiana, non abbastanza i vantaggi racimolati dall'ingresso nel progetto di Xi Jinping operato dal governo Conte I.

Soprattutto, troppe volte il governo Meloni si è scoperto in tal senso. La stessa premier ha dichiarato più volte durante la campagna elettorale che una volta eletta avrebbe cancellato l'accordo. Una volta entrata a Palazzo Chigi, però, Meloni è stata molto più cauta del previsto. Dimenticate le strizzatine d'occhio a Taiwan e ai dissidenti tibetani, il governo ha assunto una linea ben più morbida sulla Cina, anche e soprattutto dopo il bilaterale di Bali, a margine del summit del G20 in Indonesia, tra Meloni e lo stesso Xi.

Alla vigilia della partenza, la Farnesina ha chiarito che il tema centrale della visita sarà "il rilancio del dialogo bilaterale nei settori di comune interesse, nel quadro del partenariato strategico globale istituito nel 2004". Il riferimento è tutt'altro che casuale. Dare maggiore risalto e importanza al ventennale meccanismo di collaborazione bilaterale è un modo per cercare di svuotare di portata politica il mancato rinnovo sulla Belt and Road.

Negli ultimi mesi, da Meloni in giù, vari membri del governo si sono detti convinti di mantenere buoni rapporti pur uscendo dal progetto. "Della Via della Seta dovremo discutere in parlamento e poi ne parleremo con serenità e amicizia con il governo cinese. Sono convinta che le relazioni con Pechino resteranno solide, non prevedo che si complicheranno", ha detto nei giorni scorsi la premier a Il Sole 24 Ore.

Da parte cinese si parla di "voci ostili che cercano di "interrompere la collaborazione" tra i due paesi. Implicito riferimento agli Stati Uniti, la cui contrarietà alla Via della Seta rappresenta secondo la Cina il vero motivo del probabile ritiro italiano dal progetto. Tajani sostiene che l'adesione non abbia portato i risultati attesi. "L'export dell'Italia in Cina 2022 è stato pari a 16,5 miliardi, rispetto ai 23 miliardi della Francia e ai 107 della Germania".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
cinaitaliatajanivia della seta





in evidenza
Ferragnez, dalle stelle al divorzio: c'è una donna dietro la rottura

E non è Selvaggia Lucarelli. Ecco chi è

Ferragnez, dalle stelle al divorzio: c'è una donna dietro la rottura


in vetrina
Mozzarella, la più buona è al discount: ecco i marchi migliori (e peggiori). Lista

Mozzarella, la più buona è al discount: ecco i marchi migliori (e peggiori). Lista


motori
Mercedes-AMG E 53 HYBRID 4MATIC+: Performance ibrida senza compromessi

Mercedes-AMG E 53 HYBRID 4MATIC+: Performance ibrida senza compromessi

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.