A- A+
Esteri
"Terza Guerra Mondiale? E' il primo conflitto ibrido: sia sul campo che cyber"

Che cos'è la guerra "ibrida"

Oggi il grande pubblico sta assistendo per la prima volta a una guerra cosiddetta ibrida, ovvero che combina gli aspetti tipici di uno scontro convenzionale a quelli di uno cyber. Se i primi sono ben noti da millenni, i secondi sono ignoti ai più.

Chi si difende è svantaggiato

In primo luogo il campo di battaglia non permette di avere un fronte ben definito, non esistono coordinate fisiche che permettono di individuare le linee nemiche. Esso appare infinito, complice l’interconnessione dei sistemi in Rete, e la difesa, a differenza di una guerra convenzionale, è sempre svantaggiata. Combattere in questo ambiente significa dimenticare qualsiasi tipo di riferimento come “sopra”, “sotto”, “davanti”, “dietro” e via dicendo. In questo campo completamente aperto, l’attaccante ha la possibilità di scegliere su un fronte infinito in quale luogo e momento scatenare l’offensiva. Il suo arsenale non soffrirà del problema di esaurimento scorte. Le problematiche logistiche per sostenere l’attacco non esisteranno. I suoi operatori potranno essere dispersi in migliaia di luoghi fisici e virtuali diversi.

Il precedente: cyberattacco all'Ucraina nel 2017

Le modalità con cui agiscono i gruppi di militanti o di criminali, come Conti e Anonymous, che si sono auto-invitati allo scontro lo dimostrano. Proprio la loro presenza sul campo di battaglia evidenzia uno dei pericoli più gravi a cui siamo esposti. Qualche anno orsono in uno dei miei libri scrivevo che in un conflitto cyber un gruppo piuttosto ristretto di persone, fortemente motivate, con una non superlativa preparazione tecnica e munito di alcune armi reperibili facilmente e gratuitamente, o quasi, sulla Rete, potrebbe attaccare uno Stato e avere buone possibilità di infliggere danni gravissimi se non di metterlo in ginocchio. Fino a quando sul terreno di scontro si muovono degli “specialisti” i danni collaterali del conflitto possono essere contenuti, perché hanno maturato l’esperienza sul campo. Nel 2017 il gruppo Sandworm, vicino al Cremlino, fu sospettato di avere scatenato con l’Ucraina un malware noto come NotPetya. All’epoca scrissi che molto probabilmente si trattava di manovre militari per analizzare l’efficacia e gli effetti di un attacco cibernetico. In effetti si poterono valutare i tempi di risposta delle diverse organizzazioni e dei ricercatori (non meno di 24 ore), la pervasività dell’offensiva (si è scoperto che l’infezione dell’armatore Maersk aveva provocato un effetto domino rallentando il sistema dei trasporti marittimi in tutto il mondo), le reazioni dei governi (Il ministro inglese Fallon dichiarò che il Regno Unito era pronta a rispondere con attacchi convenzionali) e non ultimi gli effetti collaterali (le russe Rosneft e Gazprom furono danneggiate).

Perché lo scontro tecnologico può sfuggire di mano

Poco prima dell’avvio dell’offensiva militare in corso, alcuni sistemi ucraini sono stati colpiti da un certo numero di malware che producevano danni non diversi da NotPetya ma, a differenza del loro predecessore, non avevano la caratteristica di diffondersi in Rete in modo autonomo e automatico. Le esercitazioni avevano dimostrato che il rischio del “fuoco amico” era concreta. Di conseguenza sono stati installati manualmente sui sistemi, dopo averli violati. Cosa accadrebbe se qualche “entusiasta”, che ha la sensazione di partecipare a un videogioco iperrealistico, decidesse di utilizzare un arma cyber per poi perderne il controllo? Sarebbe stravagante se il primo conflitto mondiale cibernetico venisse scatenato dal salotto di casa di un privato cittadino. Tuttavia sappiamo bene che alla storia non manca il senso dell’ironia.

 

Chi è Alessandro Curioni, esperto di cybersicurezza 

alessandro curioniAlessandro Curioni
 

Alessandro Curioni, classe 1967, dopo 15 anni di attività giornalistica, alla fine degli anni Novanta, inizia a occuparsi di nuove tecnologie e nel 2001 si dedica a tempo pieno alle tematiche della sicurezza informatica. Nel 2003, dopo due anni di studio, pubblica per Jackson Libri il volume “Hacker@tack - Guida alla sicurezza informatica”. Da questa esperienza nasce, in collaborazione con il Gruppi I.Net (in seguito British Telecom) un programma di corsi di formazione dedicati a quelle tematiche.

All’attività di formatore affianca quella di consulente per i clienti del gruppo I.Net, attività che si protrae fino al 2008, anno in cui fonda DI.GI. Academy, azienda specializzata nella formazione e nella consulenza nell’ambito della sicurezza informatica, della quale è azionista e presidente. Negli ultimi quindici anni è stato consulente per primarie aziende nazionali e multinazionali tra le quali Edison S.p.A., Cardif Assicurazioni del Gruppo BNP Paribas, Vittoria Assicurazioni, Pepsico Italia, attività che alterna con quella di formatore (ENI, Poste Italiane, A2A, etc.) e conferenziere.

Nel 2015 riprende la sua attività pubblicistica per diverse testate cartacee - tra cui "Il Sole 24 ore" (compresi gli allegati sul tema) - e on line e nel 2016 pubblica, con la casa editrice universitaria Mimesis, il libro “Come pesci nella rete – Guida per non essere le sardine di Internet” dedicato a problemi della sicurezza informatica personale, a cui seguono diversi altri pamphlet di successo ("La privacy vi salverà la vita", "Questa casa non è un hashtag", “CyberWar” etc) mentre con Chiarelettere ha pubblicato nel 2021 il suo primo giallo intitolato "Il giorno del Bianconiglio". Dal 2018 Curioni è anche docente a contratto nel corso di sicurezza dell'informazione per la Cattolica di Milano.

 

Leggi anche:

Governo, Draghi pronto a dimettersi. Elezioni a giugno o settembre

Governo, solo l'invasione militare di Putin evita la crisi

Guerra Ucraina, Picierno (Pd): "All'Ue servono una voce e un esercito unico"

"Rai, inopportuni attacchi a Innaro. Ha ancora senso collegarsi con Mosca?"

Ucraina, parte la raccolta di beni. I punti con camion e volontari a Milano

Guerra Russia-Ucraina, anche Generali abbandona Mosca. Stop di Toyota e VW

Fabrizio Corona è pronto a combattere in Ucraina e "morire in gloria"

Terza Guerra Mondiale: Giulietto Chiesa aveva previsto tutto due anni fa

Cryptosmart, ecco due servizi per utilizzare i bitcoin nella vita reale

BPER Banca, a sostegno degli studenti della Cattolica

Gruppo FS Italiane: Trenitalia presenta “Blues”, il suo primo treno ibrido

Commenti
    Tags:
    alessandro curioniguerra ibridaterza guerra mondiale





    in evidenza
    Top 100 Informazione online: boom di Affaritaliani.it a gennaio (+33%)

    La classifica comscore

    Top 100 Informazione online: boom di Affaritaliani.it a gennaio (+33%)

    
    in vetrina
    Puglia, gelato da vegetali fermentati: a Polignano a Mare il nuovo ice-cream

    Puglia, gelato da vegetali fermentati: a Polignano a Mare il nuovo ice-cream


    motori
    Peugeot lancia il SUV elettrico E-3008: design e prestazioni superiori

    Peugeot lancia il SUV elettrico E-3008: design e prestazioni superiori

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.