A- A+
Esteri
Trump alla lobby delle armi, difendero' vostri diritti
Foto LaPresse

Un mese e mezzo dopo le gigantesche manifestazioni in tutto il Paese per chiedere leggi pi'u' restrittive sulle armi, il presidente americano Donald Trump e' tornato ad un vecchio amore, la potente lobby delle armi. E dal palco di Dallas, con i toni incendiari con cui solitamente arringa la sua base elettorale, agli aderenti della National Rifle Association, ha detto che il Secondo Emendamento alla Costituzione, quello che garantisce il diritto degli americani a girare armati, non si tocca: ha ribadito dunque l'invito a mettere piu' guardie armate nelle scuole e sottolineato il suo forte sostegno al diritto alle armi, dopo che alcune settimane fa era sembrato pronto a qualche restrizione "La mia amministrazione e i conservatori al Congresso sono stati eletti per difendere i vostri diritti", ha detto il presidente di fronte a decine di migliaia di attivisti entusiasti. "Il Secondo Emendamento (alla Costituzione americana) non sara' mai in pericolo finche' saro' presidente". E ha aggiunto che gli attacchi del 13 novembre 2015 a Parigi avrebbero ridotto il numero di morti se le vittime fossero state armate: "Nessuno ha un'arma a Parigi e tutti ricordiamo le 130 persone (uccise) e l'enorme numero di persone orribilmente, orribilmente ferite: sono stati brutalmente uccisi da un piccolo gruppo di terroristi che avevano armi, che con calma li hanno uccisi uno per uno. Vieni qui, boom, vieni qui, boom, vieni qui", ha detto, facendo con la mano il gesto di un jihadista che sparava alle vittime. "Ma se un impiegato, o solo un cliente avesse avuto un'arma, o se uno di voi tra il pubblico fosse stato li' con una pistola puntata nella direzione opposta, i terroristi sarebbero fuggiti o avrebbero sparato. E sarebbe stata una storia diversa ". E ha preso in giro quanti vogliano il divieto delle armi da fuoco, ricordando i recenti attentati, come quello a Toronto, in Canada, provocati dalla folle corsa di camion o un furgoncini lanciati a tutta velocita' su ignari passanti. "E allora, vietiamo tutti i camion e i camioncini", ha detto, "forse anche tutto le auto..." Il movimento studentesco contro le armi -nato dopo la strage di Parkland, in Florida, dove il 14 febbraio morirono 17 persone- chiedeva il diritto di andare a scuola senza rischiare di finire in una mattanza. "Tutti noi - ha replicato Trump- vogliamo scuole piu' sicure. Ma insegnanti perfettamente addestrati dovrebbero portare armi nascoste". "Se sanno che ci sono armi all'interno, non entreranno". Era la terza volta che Trump parlava di fronte alla potente lobby, che lo ha sempre considerato un alleato, fin dai giorni iniziali della sua campagna elettorale. Trump, che nel suo discorso ha spaziato su vari temi -dalla Corea al Russiagate- ha esortato i membri dell'NRA a votare in massa alle elezioni di midterm ringraziandoli per il sostegno passato. "Siete usciti tutti. Siete usciti tutti e avete votato". L'NRA e' sempre stato in effetti un grande sostenitore di Trump: a ottobre del 2106, uno spot pubblicitario televisivo su 20 in Pennsylvania fu sponsorizzato dalla lobby delle armi; uno su nove annunci in North Carolina, e uno ogni otto in Ohio. E Trump vinse in tutti e tre gli Stati.

Tags:
trump lobby armitrump armi lobby
in evidenza
Messi il Re Mida del calcio 110 milioni per tre anni al PSG

Neymar superato da Leo

Messi il Re Mida del calcio
110 milioni per tre anni al PSG

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
Nuova C3 sostiene la strategia di espansione internazionale di Citroën

Nuova C3 sostiene la strategia di espansione internazionale di Citroën


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.