A- A+
Green
Energia, rinnovabili più economiche: costano 4 volte in meno del nucleare
Enel investimenti su fonti rinnovabili per 12,5 miliardi di euro

Energia, fonti rinnovabili più economiche: costano quattro volte in meno del nucleare

Le rinnovabili battono le altre fonti sul prezzo e si rivelano quattro volte più economiche del nucleare. A dimostrarlo è l'ultimo rapporto annuale del  World Nuclear Industry Status Report (WNISR), condotto da un gruppo di esperti internazionali indipendenti guidati dal tedesco Mycle Schneider, riporta Ansa. L'analisi ha mostrato che nel 2020 produrre 1 kilowattora (kWh) di elettricità con il fotovoltaico è costato in media nel mondo 3,7 dollari, con l'eolico 4,0 dollari, con il gas 5,9 dollari e con il carbone 11,2 dollari. Mentre con il nucleare si è arrivati a 16,3 dollari. 

"Il problema oggi è quanto dobbiamo ridurre i gas serra e quanto rapidamente– spiega Schneider al sito tedesco DW– se parliamo della costruzione di nuove centrali, il nucleare è semplicemente escluso. Non solo perché è la forma di generazione elettrica più costosa oggi, ma anche perché serve molto tempo per costruire i reattori. Ogni euro investito in nuove centrali nucleari peggiora la crisi climatica, perché non può essere usato in opzioni efficienti per la protezione del clima". 

La Cina è sicuramente il paese che sta investendo di più sul nucleare. Pechino ha in programma di costruire 17 nuove centrali, che si aggiungono alle 49 che già possiede, ottenendo così il 5% dell'energia di cui ha bisogno. Segue poi l'India, che ha in progetto sei nuove centrali, che si aggiungono alle 21 già esistenti, per un mix energetico totale pari al 3%. Gli Usa con 94 centrali ottengono invece il 20% dell'energia, con l'intenzione di costruire due nuovi impianti. Sulla stessa scia anche la Russia, che con 38 centrali ottiene la stessa percentuale di mix energetico. Infine la Francia, con un totale di 56 impianti, ricava dal nucleare il 71% di energia. 

"Le rinnovabili sono diventate così convenienti che in molti casi sono al di sotto dei costi operativi base delle centrali nucleari", sostiene il rapporto. La costruzione di nuove centrali atomiche– conclude lo studio– non ha nessuna ragione economica o ecologica, e risponde solo a motivazioni politiche o a interessi delle aziende del settore, che hanno l'urgenza di lanciare progetti non più fantasma, per rimanere attive a livello globale. 

 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    energia fonti rinnovabili nucleareenergia rinnovabili economiche nucleareenergia rinnovabili nucleare
    in evidenza
    CDP, ospitato FiCS a Roma Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

    Corporate - Il giornale delle imprese

    CDP, ospitato FiCS a Roma
    Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

    i più visti
    in vetrina
    Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili

    Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili


    casa, immobiliare
    motori
    In viaggio con Ford Kuga Plug-In Hybrid alla scoperta delle bellezze di Vulci

    In viaggio con Ford Kuga Plug-In Hybrid alla scoperta delle bellezze di Vulci


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.