A- A+
Green
Engie: un fondo da 100 milioni per start-up tecnologiche e green

ENGIE: un Fondo da 100 milioni per investire in start-up tecnologiche e green.

“New Ventures” per mobilità elettrica, big data, soluzioni servizi energetici, stoccaggio energia, internet of things, piattaforme per ottimizzazione consumi

Come dimostrato anche dall’emergenza vissuta in dicembre, occorre cominciare a parlare di “riscaldamento sostenibile” e non solo di “mobilità sostenibile”.

Lo ha detto Aldo Chiarini, presidente ENGIE, nel corso del convegno sulle città metropolitane svoltosi a Firenze.

GUARDA LA VIDEODICHIARAZIONE DEL PRESIDENTE ENGIE

 

 

 

Molte le soluzioni disponibili: caldaie gas a condensazione; pompe di calore; riqualificazione edifici; teleriscaldamento; monitoraggio dei consumi con contatori digitali. 

Il settore privato è pronto a fare la sua parte e il Gruppo ENGIE, in particolare, intende fornire un rilevante sostegno a questo processo di trasformazione, avendo avviato per primo, tra tutti i grandi player internazionali, tale processo di transizione energetica.

ENGIE, presente in Italia da oltre cinquant’anni, ha un'organizzazione diffusa e articolata su tutto il territorio nazionale, in grado di coprire l’intera catena del valore dell'energia. ENGIE Italia - ha ricordato Chiarini - è il primo operatore nei servizi energetici, il quarto nel gas, il sesto nell'elettricità. Con un fatturato, nel 2014, di circa 4,5 miliardi di euro, ha oltre 2.600 dipendenti in più di 50 uffici sull'intero territorio nazionale. ENGIE è presente dal residenziale al terziario, pubblico e privato, fino alla piccola e grande industria; ha oltre 1.000.000 clienti finali per la fornitura di gas e di elettricità e 54.000 clienti nei servizi energetici, tra i quali 1.000 Amministrazioni Pubbliche e importanti aziende, 3.000 condomini, 50.000 abitazioni indipendenti.

Chiarini ha anche annunciato che ENGIE mette a disposizione 100 milioni di euro in progetti per l’innovazione, anche in ambito urbano e per lo sviluppo sostenibile, con la costituzione di “ENGIE New Ventures investment fund”. In contemporanea, ENGIE ha lanciato la piattaforma “Open Innovation” per condividere soluzioni di efficienza energetica, green mobility, smart energy management. 

Anche attraverso queste ingenti risorse finanziarie, le sue qualificate competenze interne in r&s (900 ricercatori ed esperti in 11 centri r&s), un know-how mondiale, ENGIE intende contribuire a costruire un nuovo ecosistema che abbia nelle città intelligenti il motore principale di un modello che punti alla decarbonizzazione, allo sviluppo delle rinnovabili, alla riduzione dei consumi. 

Il privato, quindi, farà la sua parte, ma un ruolo attivo delle amministrazioni pubbliche è comunque imprescindibile. Se non altro per tre ragioni: spesso gli edifici pubblici presentano scarsa performance energetica; in chiave di “spending review”, l’energia è una voce di spesa rilevante; per dare un esempio virtuoso, promuovendo verso i cittadini un processo di ammodernamento."

Iscriviti alla newsletter
Tags:
engie-startup-chiarini-green
in evidenza
Usa, i Maneskin incantano ancora Show al Saturday Night Live

Il programma più seguito negli States

Usa, i Maneskin incantano ancora
Show al Saturday Night Live

i più visti
in vetrina
Sabrina Salerno in grande forma, social in estasi: "Fisico da ventenne". FOTO

Sabrina Salerno in grande forma, social in estasi: "Fisico da ventenne". FOTO


casa, immobiliare
motori
Nissan svela la versione speciale JUKE Kiiro

Nissan svela la versione speciale JUKE Kiiro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.