A- A+
Green
Riciclo, un'Italia da record raggiunge il 73% degli imballaggi riciclati

Riciclo imballaggi: l'Italia nel 2020 è riuscita a riciclare il 73% degli imballaggi immessi sul mercato, superando la soglia prevista per il 2025 dal Conai

L'Italia eccelle in Europa per il riciclo degli imballaggi, cioè i contenitori come vasetti, bottiglie, lattine o scatole di vario materiale: acciaio, alluminio, vetro o legno. A rivelarlo è Ansa, aggiungendo che il Belpaese ha raggiunto un record nel 2020 con il 73% degli involucri immessi sul mercato (3,3 punti percentuali in più rispetto al 2019) che hanno trovato nuova vita superando la stima prudenziale del 71% fatta a inizio anno. Un traguardo che ha consentito al nostro Paese di superare già la quota del 65% chiesta dall'Europa per il 2025. 

Un risultato annunciato con enfasi dal Conai, il Consorzio Nazionale Imballaggi che nel 2020 ha gestito il 52% degli imballaggi avviati a riciclo (nel 2019 il 50,2%) e ha stipulato convenzioni con oltre 7.400 Comuni italiani (circa il 97% della popolazione). Per coprire i maggiori costi che i Comuni sostengono per il ritiro dei rifiuti in modo differenziato, l'anno scorso Conai ha riconosciuto loro 654 milioni di euro (che coprono il 28% dei rifiuti urbani e assimilati e il 7% dei rifiuti totali prodotti nel nostro Paese); 452 milioni, invece, sono stati destinati dal sistema al finanziamento di attività di trattamento, riciclo e recupero. “Risorse che provengono dalle aziende consorziate”, spiega il presidente del Conai Luca Ruini

Gli imballaggi-rifiuto differenziati e dati a Conai nel 2020 sono cresciuti in tutta Italia, con il Nord che ha messo a segno un +6% rispetto al 2019, seguito dal Sud con +5% e dal Centro Italia con +4%. Sono oltre 9 milioni e mezzo le tonnellate di imballaggi riciclate sul totale delle 13 milioni immesse al consumo, in calo del 4% rispetto al 2019 per il venir meno dei pack destinati ai settori commerciali e industriali ma le quantità riciclate non sono diminuite grazie alla crescita della raccolta differenziata urbana, spiega il Consorzio. Così hanno trovato una seconda vita 371mila tonnellate di acciaio, 47mila e 400 di alluminio, 4 milioni e 48mila di carta, un milione e 873mila di legno, un milione e 76mila di plastica, 2 milioni e 143mila di vetro. 

Ciascun materiale ha raggiunto le percentuali di riciclo richieste dall'Ue entro il 2025, salvo la plastica che ha mancato per poco il 50% (a quota 48,7%), ma questo “non rappresenta un problema” assicura il presidente di Conai Luca Ruini rilevando che “oggi siamo secondi solo alla Germania in termini di quantitativi di imballaggi riciclati”. Sommando ai numeri del riciclo quelli del recupero energetico, il totale di imballaggi sottratti alla discarica cresce e si avvicina all'84% (83,7%). Un totale di quasi 11 milioni di tonnellate. 

“Nel riciclo degli imballaggi l'Italia conferma la sua leadership traguardando in anticipo di quattro anni gli obiettivi comunitari”, osserva Laura D'Aprile, Capo dipartimento transizione ecologica e investimenti verdi del Ministero della Transizione Ecologica rilevando che “il Sud cresce quasi quanto il Nord e verrà ulteriormente supportato con gli investimenti previsti nel Pnrr (Piano nazionale di ripresa e resilienza). Il raggiungimento degli obiettivi”, conclude, “consente di corrispondere ai Comuni contributi che vanno a ridurre le tariffe, a vantaggio dei cittadini”.

di Stefania De Francesco

Commenti
    Tags:
    ricicloriciclo imballaggiconaiitalia
    in evidenza
    Casaleggio-Sabatini, che coppia Mano nella mano in dolce attesa

    Paparazzati in un hotel di lusso

    Casaleggio-Sabatini, che coppia
    Mano nella mano in dolce attesa

    i più visti
    in vetrina
    Meteo, il maltempo spacca l’Italia tra temporali e super caldo

    Meteo, il maltempo spacca l’Italia tra temporali e super caldo


    casa, immobiliare
    motori
    Prende il via da Cagliari il raoadshow ELECTRIQA firmato Mercedes

    Prende il via da Cagliari il raoadshow ELECTRIQA firmato Mercedes


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.