A- A+
Green
Ucraina, la guerra avvicina il disastro ambientale
(foto Lapresse)

Guerra Russia Ucraina, una questione ambientale

Siete mai stati in un poligono di tiro? Avete mai partecipato alle manovre militari? Anche se non avete potuto presenziare a questi eventi immaginate quanto cattivo odore rilasciano le polveri da sparo, le esplosioni mirate e non, i mezzi bellici che producono anche fumo e gas non nobili. Perché questa premessa? Per una sola parola ecologia (L’ecologia è una branca della biologia che analizza i rapporti tra gli esseri viventi e l’ambiente in cui vivono).

La motivazione? L’invasione della Russia in Ucraina ed il relativo inquinamento, acustico, ambientale e psicologico. Mi sarei aspettato di vedere manifestare tutti gli ecologisti (indipendentemente dalle sigle di appartenenza) ai quali pongo una domanda, perché non sono competente, ed è: quanto inquinamento ha prodotto fino ad ora questa guerra guerreggiata? E quanta ne produrrà ancora?

Molti Paesi hanno sottoscritto la COP21 di Parigi (la COP21 è una sigla che sta per Conference of the Parties, ossia la 21esima conferenza delle Nazioni Unite, che riunisce i Paesi del mondo con lo scopo di dibattere sui cambiamenti climatici in atto e trovare un accordo globale da raggiungere congiuntamente) e, per quanto mi consta, sul piano informale sono tutti d’accordo che l’utilizzo, così com’è, delle risorse del nostro pianeta non produrrà niente di buono e la Terra, prima o poi, si ritorcerà definitivamente contro l’uomo.

Con tutto il rispetto per le persone, a vario titolo, coinvolte in questo “insulso” conflitto mi piacerebbe veramente vedere gli ecologisti in Russia a manifestare; capaci tutti a farlo nei paesi democratici. Oltre a ciò, non essendo un avvocato suggerirei che è arrivato il momento di trascinare in tribunale la Russia per aver cagionato un danno ecologico immenso, con l’invasione di mezzi bellici, lancio di razzi, cannoneggiamenti su strutture civili e di produzione, nonché l’inquinamento acustico e tutto ciò che produce danno in un conflitto.

Se veramente gli ecologisti sono dalla parte della “madre terra”, allora mi aspetto agiscano a livello planetario nei confronti della Russia poiché sarebbe, forse, la prima volta che si agisce direttamente contro un Governo per i danni ecologici prodotti dalla guerra. Riusciranno gli ecologisti a portare una Nazione in tribunale e a farla condannare? Ai posteri l’ardua sentenza.

 

 

Leggi anche: 

Professione manager, Labriola (Tim): “Curricula? Li sceglie l’intelligenza artificiale ma poi..."

Guerra in Ucraina, è colpa anche di Stati Uniti e Nato

La parabola di Conte e Salvini e la curva del populismo

Covid, medico bolognese salva centinaia di persone ma rischia la radiazione

Salone del Mobile, la presidente Porro ad Affari: "L'assenza dei russi peserà"

Wireless, in Europa dal 2023 la connessione a 7G

Un nuovo film per Angelina Jolie, la diva del cinema recita a Matera

Giallozafferano lancia 15 opere digitali dedicate alle ricette italiane"

BPER Banca è Premium Partner di Biografilm Festival 2022

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    guerra russia ucrainaterza guerra mondialeucraina





    in evidenza
    Affari in rete

    Guarda la gallery

    Affari in rete

    
    in vetrina
    Djokovic re del tennis e del vino: "Produciamo syrah e chardonnay"

    Djokovic re del tennis e del vino: "Produciamo syrah e chardonnay"


    motori
    Smart Concept #5 rivoluziona il concetto dei SUV di medie dimensioni

    Smart Concept #5 rivoluziona il concetto dei SUV di medie dimensioni

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.