A- A+
Libri & Editori
Fascismo visto da Lampedusa, diario del confinato politico Giuseppe Scalarini

Su Mussolini e il fascismo è diffuso un giudizio indulgente: l’idea che, in fondo, il regime non fosse poi pessimo, e che tutto sia precipitato quando il Duce si mise a seguire troppo da vicino il percorso di Hitler. Se non avesse varato le leggi razziali contro gli ebrei e non fosse entrato in guerra nel giugno 1940, quando sembrava che la Germania Nazista stesse per cogliere una vittoria netta contro Francia e Gran Bretagna, alla fin fine – secondo questa formulazione - il bilancio del ventennio non sarebbe del tutto in perdita.

A demolire questa lettura benevola può contribuire una pubblicazione non sulla guerra, i lutti, i massacri ma sulla satira politica e un suo indiscusso protagonista: Giuseppe Scalarini, illustratore di giornali socialisti e soprattutto dell’Avanti!

Un libro gratuito – disponibile non in forma cartacea ma sul sito fondazioneannakuliscioff.it – si intitola Il Confinato ed è un diario, illustrato con piccolo schizzi e disegni, del lungo periodo che Scalarini passò in luoghi di confino politico o campi di concentramento: dal 1926 fino al 1940. Lampedusa innanzitutto, poi Ustica, Istonio e Bucchianico (gli ultimi due in terraferma, in Abruzzo). Con le notazioni ironiche di cui era maestro, l’autore racconta la vita del “coatto”. Timori, controlli, vessazioni e anche costrizioni fisiche che erano riservate agli oppositori irriducibili del fascismo.

Nato nel 1873, Giuseppe Scalarini, mantovano, si distinse fin da giovane per il suo antimilitarismo intransigente. E per quello subì condanne e persecuzioni già prima della presa del potere di Mussolini. Divenuto vignettista dell’Avanti! nel 1911 – l’anno della guerra di Libia – continuò fino a quando il giornale socialista venne soppresso. Subì due aggressioni squadristiche (una gli lasciò segni permanenti). Dopo la seconda passò direttamente dall’ospedale al carcere, e da lì finì al confino.

Prima che l’Italia entrasse in guerra poté tornare a casa sua, ma rimanendo un “sorvegliato speciale”. Per ordine espresso di Mussolini non poteva pubblicare scritti o disegni. Nel 1943 sfuggì fortunosamente ad un nuovo arresto da parte dei fascisti di Salò. A liberazione avvenuta tornò al suo lavoro di illustratore e disegnatore satirico, e morì nel 1948.

Perseguitato con accanimento, e tenuto nella condizione di non poter nuocere con la penna e la matita, i suoi “reati” erano esclusivamente di opinione, di espressione, di cultura. A queste vessazioni reagiva con tenacia e senza proclami. Annotava, tracciava piccoli disegni nel suo stile sarcastico. E badava, lo racconta passo passo, a non farsi sorprendere da guardie e vigilanti: se gli avessero trovato le prove di questa persistenza nello sbeffeggiare la dittatura e l’oppressione avrebbe potuto subire altri maggiori soprusi. Invece fu abile nel nascondere appunti e scarabocchi, e soprattutto nel farli uscire alla fine dai luoghi di reclusione.

E’ grazie a questa costanza che, oggi, per iniziativa della Fondazione Anna Kuliscioff che ha sede a Milano ed è presieduta da Walter Galbusera, abbiamo l’occasione di leggere e vedere che cosa fosse la quotidianità per coloro che, per convinzione e militanza politica, per coerenza con la proprie idee, sfidarono Mussolini e il fascismo. Una lettura anche divertente, ricca di aneddoti, di figure sia raccontate che illustrate di reclusi e di aguzzini. Ottimo per capire, anche guardando all’oggi, come è fatto davvero un regime oppressivo.

Scal copert 1139
 

Commenti
    Tags:
    fascismomussolinigiuseppe scalarinilibri
    in evidenza
    Incendi in California, distrutti oltre 200 acri di foreste

    Politica

    Incendi in California, distrutti oltre 200 acri di foreste

    i più visti
    in vetrina
    Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

    Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità


    casa, immobiliare
    motori
    La rivoluzione elettrica di Mercedes Benz

    La rivoluzione elettrica di Mercedes Benz


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.