A- A+
Libri & Editori
Giuseppe Catozzella, Italiana: un romanzo epico dalla parte degli sconfitti

In questi giorni in cui si ricorda il centenario del Regno di Italia, caduto lo scorso 17 marzo, culmine delle guerre risorgimentali e della reconquista  savoiardo-garibaldina del Paese, è uscito da Mondadori l’ultimo romanzo di Giuseppe Catozzella, Italiana (pagg. 324, euro 19), ambientato tra la fine del regno di Francesco II di Borbone e l’avvento del regime sabaudo.  L’autore giura che si tratta di casualità, avendo messo in cantiere il suo romanzo molto tempo prima, e c’è da credergli.

Tuttavia la coincidenza rimane, così come la sensazione che il romanzo di Catozzella ci aiuti a riconsiderare il processo di unificazione dell’Italia con occhi diversi e con quello sguardo obliquo ignoto alla memorialistica d’antan: quello dei perdenti e non dei vincitori.
Italiana è, infatti, la storia di Maria Oliverio, detta Cicilla, la più famosa brigantessa dei suoi tempi, e della banda di fuoriusciti che fa capo al marito Pietro Monaco. Siamo quindi di diritto nel territorio del romanzo storico e l’opera nasce, in effetti,  da un lungo e accurato lavoro di documentazione e d’archivio.

Allo stesso tempo potremo però definirlo un «romanzo epico contemporaneo», per alcune di quelle caratteristiche che il collettivo Wu Ming nel 2008 assegnava a quella che ebbe a chiamare allora  la New Italian Epic: forte partecipazione emotiva con caratteri pop che ammiccano al lettore, ricerca di un punto di vista diverso e alternativo, ricorso in molti casi al genere del romanzo storico, appunto, opportunamente rivisitato.

Nel racconto di Catozzella, Cicilla viene rappresentata all’opposto delle cronache dell’epoca: non mostro di efferatezza e crudeltà, ma piuttosto l’eroina risorgimentale che si batte per una vera giustizia e che tradita nei suoi ideali abbraccia il brigantaggio come forma di riparazione verso i poveri e diseredati. L’avvento del Regno d’Italia per i braccianti della Sila si rivela, infatti, negli stessi termini che recitava Il Gattopardo di Tomasi di Lampedusa, non a caso altro romanzo sul medesimo periodo: “Se vogliamo che tutto rimanga come è, bisogna che tutto cambi”.

E così avviene: i notabili borbonici diventano i funzionari e quadri del nuovo Regno d’Italia, la ridistribuzione delle terre promessa da Garibaldi si trasforma in doloroso tradimento e disincanto, il tenore di vita del popolo vira ulteriormente verso il basso. E, visto che di epica si parlava, non è allora quella d’impostura delle camicie rosse garibaldine, ma, nella rilettura di Catozzella, di Cicilla e della sua compagine di briganti.

E’ lei l’Italiana che dà il titolo al libro, sovvertendo il motto attributo a Massimo d’Azeglio “abbiamo fatto l’Italia, ora dobbiamo fare gli italiani”. No, gli italiani forse c’erano già, è l’Italia che non è stata davvero fatta. Quell’Italia vagheggiata che la maestra di Cicilla le porta di nascosto nell’effigie di un cartoncino: “una donna bellissima, corpulenta, una matrona dai capelli corvini e fluenti, seduta su una scogliera, con gli occhi che dominavano la vastità del mare…”.

Commenti
    Tags:
    giuseppe catozzellaitalianaromanzolibroepicamondadoririsorgimentoitalia
    Loading...
    Loading...
    in evidenza
    Covid, tranquilli finirà tutto Mi raccomando vacciniamoci…

    Costume

    Covid, tranquilli finirà tutto
    Mi raccomando vacciniamoci…

    i più visti
    in vetrina
    Diletta Leotta: "Matrimonio con Can Yaman? Non è saltato e..."

    Diletta Leotta: "Matrimonio con Can Yaman? Non è saltato e..."


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Ferrari 812 Superfast, svelate le prime immagini

    Ferrari 812 Superfast, svelate le prime immagini


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.