A- A+
MediaTech
Che c'è di nuovo, voci insistenti di chiusura sul programma di Ilaria D'Amico

Rai 2, chiude "Che c'è di nuovo" di Ilaria D'Amico

L’avventura di Ilaria D’Amico su Rai 2 finisce qui. Stando alle indiscrezioni, Antonio Di Bella, il direttore Rai per l’informazione, avrebbe definitivamente deciso di dare un taglio al talk show della seconda rete. Ma non c’è da sorprendersi. Infatti, gli ascolti di “Che c’è di nuovo?” non hanno mai raggiunto gli obiettivi sperati.

Ieri, giovedì 13 gennaio, la trasmissione prodotta dalla casa Fremantle si è fermata al 2.5% di share pur avendo in studio personaggi popolari come Wanna Marchi. Sempre secondo le fonti vicine a viale Mazzini, al momento si starebbe solo vagliando se lasciare a Ilaria D’Amico un’ultima puntata il prossimo giovedì.

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
d'amicorairai2





in evidenza
Il "Gioco dell'oca" diventa leghista C'è la casella Stop utero in affitto

Europee/ L'idea di Lancini

Il "Gioco dell'oca" diventa leghista
C'è la casella Stop utero in affitto


in vetrina
Meteo, in arrivo un intenso peggioramento. Pioggia e freddo: ecco dove

Meteo, in arrivo un intenso peggioramento. Pioggia e freddo: ecco dove


motori
Vespa World Days 2024: oltre 30mila vespisti convergono a Pontedera

Vespa World Days 2024: oltre 30mila vespisti convergono a Pontedera

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.