A- A+
MediaTech
Intelligenza Artificiale, dopo ChatGPT la battaglia tra le Big Tech continua

Intelligenza Artificiale, la nuova corsa tra le Big Tech

Parlare con un robot che ti risponde, sembra ragionare e ti consiglia è l’aspirazione e il sogno di milioni persone. ChatGPT è la chat box che sta avendo un grande successo e ha costretto le grandi BIG Tech a rispondere velocemente per non perdere la partita del futuro sull’intelligenza artificiale generativa, la madre di queste nuove soluzioni. OpenAI ha introdotto ChatGPT, un chatbot beta capace di conversare con una buona affidabilità. La risposta di Microsoft è stata rapidissima: un investimento di 10.000 milioni in OpenAI, la società sviluppatrice di ChatGPT. E Google non è mancato all’appuntamento e ha presentato Bard, il proprio chatbot intelligente.

Intelligenza Artificiale, Bard la chatbox lanciata da Google

Bard, che ancora è nella fase di test, ha un funzionamento simile a ChatGPT ma, secondo i suoi inventori, migliore “Bard-ha detto il Ceo Sundar Pichai-raccoglie info da Internet e con quelle dà risposte immediate. Può servire per soddisfare la curiosità o per scatenare la creatività. Puo’ rispondere ad un bambino sui nuovi cartoni animati, ad un ricercatore in merito alle nuove scoperte o ad uno sportivo sui risultati delle partite nelle League internazionali in tutto il mondo”. Bard è la versione tascabile di LaMDA (Language Model for Dialog Applications). Il progetto di moderazione linguistica due anni fa ha fatto parlare tutto il mondo quando l'ingegnere Blake Lemoine, responsabile delle risposte del robot ha detto di essere convinto che intelligenza artificiale aveva preso coscienza. Terminati i test Bard sarà reso disponibile al pubblico con l’obiettivo di dare risposte di qualità e sicurezza basate informazioni reali. Al momento ChatGPT sembra aver un limite, quello di  inventarsi la risposta quando non ce l’ha.

 

Intelligenza Artificiale, Google tra i leader nei progetti sull'AI

Google è una delle aziende che ha dedicato più tempo e denaro alla ricerca di base e applicata legata all'intelligenza artificiale. La sua divisione Google Brain e la società britannica DeepMind, che ha acquisito nel 2014, sono tra le élite mondiali nella disciplina. Il loro progetto di ricerca Trasformer del 2017 è stato la base di partenza per tutti i nuovi lavori di intelligenza artificiale. Tra gli altri progetti di Google è utile ricordare MusicLM, capace di creare musica originale da un testo fornito dall'utente. Ed ancora i generatori di immagini testuali Dall-E2 o Midjourney, che hanno stupito il pubblico. Il Ceo di Google ha così descritto il valore dell’intelligenza artificiale”L'intelligenza artificiale (AI) sta già aiutando le persone a leggere informazioni nella propria lingua e il mondo medico a rilevare rapidamente le malattie. Per noi l'IA è il modo migliore per organizzare le informazioni del mondo e renderle accessibili a tutti”. Siccome la potenza di calcolo dell’AI raddoppia ogni sei mesi la corsa tra i BIG della tecnologia è più serrata e forte che mai.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
chatgptgoogleintelligenza artificialemicrosoft





in evidenza
Francesca Verdini e Andrea Giambruno: la strana coppia beccata al bar

Guarda le foto

Francesca Verdini e Andrea Giambruno: la strana coppia beccata al bar


in vetrina
Affari in rete/ Miele alleato per la salute dell'uomo: ecco tutti i benefici

Affari in rete/ Miele alleato per la salute dell'uomo: ecco tutti i benefici


motori
Jeep Wrangler 2024 e 4xe, debutta la campagna globale “Famous for Freedom”

Jeep Wrangler 2024 e 4xe, debutta la campagna globale “Famous for Freedom”

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.