A- A+
MediaTech
Ode a Camillo Langone, perché non possiamo fare a meno della sua penna
(Fonte: Pexels)

Ode a Camillo Langone, perchè la sua penna è diventata fondamentale per il giornalismo italiano

Più leggo Gramellini e più adoro Langone. Da un po’ di tempo campeggiano sulle prime pagine dei quotidiani rubriche brevi a firma di giornalisti - più o meno affermati - che giornalmente raccontano un fatto e danno un’opinione sui più svariati temi (non sempre legati all’attualità). Queste rubriche cercano l’originalità, a volte perseguono l’effetto, spesso mirano all’anticonformismo e quasi tutte dopo un po’ stancano.

Ce n’è una invece che ogni mattino cerco con bramosia perché si differenza totalmente dalle altre e perché non so mai quel che ci troverò. Parliamo della Preghiera di Camillo Langone su Il Foglio. Sarà perché Langone non cerca quello a cui gli altri puntano, non cerca la compiacenza, non sconfina mai nel moralismo, non cincischia nella politica.

Langone celebra i santi (ma chi lo fa ancora?), la provincia, quello che a Londra non c’è, le chiese sconosciute ai più, le cravatte (anche quelle di pelle, contro la vulgata dello scamiciato), i vini autoctoni (e non gli champagne puzzolenti), il caffè di mezzanotte all’autogrill, i girocolli tinta unita made in Italy, i libri (e non le serie tv), il tabarro, il pigiama, le poltroncine di velluto dei ristoranti (da frequentare rigorosamente all’interno e non nei deprecabili dehors sotto il sole), il primato della carne che si mangia. Langone ci parla di uomini e donne, ci ricorda i passi del Vangelo, sceglie la pittura (e non le Biennali e le installazioni), si dichiara conservatore nel senso letterale del termine in un contesto liberaleggiante estremo.

Di recente ci ha regalato due autentiche perle. Prima ha esaltato i lavoratori (di fatica) che mangiano, quelli che reggono questo mondo desideroso di cadere e che non capiscono Lundini, poi è arrivato a rimpiangere il cassonetto indifferenziato della raccolta dei rifiuti contro il diffondersi della raccolta differenziata e lo fa a modo suo: “la raccolta differenziata è sottomissione, il cassonetto è indipendenza, ci butti i rifiuti che vuoi, quando vuoi, come vuoi”. Langone è una boccata d’ossigeno nel plumbeo proliferare dei vari Scanzi e fratellini, quindi preghiamo che la sua Preghiera resti così com’è il più a lungo possibile. Grazie Camillo!

 

 

 

Leggi anche: 
Affari al Festival dell'Economia di Trento, Scaroni-Fiorani ospiti di Perrino
Elezioni comunali sondaggi, numeri esclusivi. Chi vince città per città
Termovalorizzatore Roma, Pd: "Va realizzato". E' quello che il M5S non vuole
Alessandro Benetton, il paperone che sui social dispensa pillole di saggezza
Al via la V edizione del Filming Italy Sardegna Festival - 9/12 giugno 2022
Milan, Berardi ciliegina dello scudetto dopo Sanches e... Calciomercato news
Scholz in missione in Africa: lavorare per "mondo multilaterale". VIDEO
Terna: 200 mln per la rete elettrica delle Olimpiadi 2026
Samsung, le case connesse sono la nuova normalità
Philip Morris Italia e l’arma dei Carabinieri: accordo per la legalità
Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    camillo langonegiornalismogramelliniil foglio





    in evidenza
    Harry Potter, la scrittrice contro gli attori: "Fanno il tifo per i minori trans"

    Culture

    Harry Potter, la scrittrice contro gli attori: "Fanno il tifo per i minori trans"

    
    in vetrina
    Crozza/Sala: "Se mi metto una cassetta delle offerte al collo raccogliamo un po’ di soldini..."

    Crozza/Sala: "Se mi metto una cassetta delle offerte al collo raccogliamo un po’ di soldini..."


    motori
    La Formula 1 conferma due appuntamenti cruciali nel calendario 2025 con i Gran Premi di Imola e Monza

    La Formula 1 conferma due appuntamenti cruciali nel calendario 2025 con i Gran Premi di Imola e Monza

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.