A- A+
MediaTech
Whatsapp, occhio alla truffa del codice a 6 cifre: come difendersi

Whatsapp, occhio alla truffa del codice a 6 cifre: come difendersi

Basta aprire un messaggio per cadere nel tranello. Gli hacker in agguato mettono a punto metodi sempre nuovi per truffare il malcapitato utente. In questo caso, parliamo di un messaggio che arriva sul cellulare della vittima prescelta e che presenta un codice di verifica a 6 cifre. Tanto basta per portare via agli utenti un intero profilo. Una volta entrati in possesso dell'account, i malviventi hanno facoltà di fare qualsiasi cosa, dal mettere in condivisione foto e video privati, al cambiare nome del profilo e utilizzarlo per altri scopi. Non solo, possono anche decidere di fingersi la vittima per contattare uno dopo l'altro i suoi amici e i suoi parenti. Uno dei principali scopi è proprio questo. Contattare tutti i numeri della rubrica per mettere a segno nuove truffe.

LEGGI ANCHE: Inps, adesso cambia tutto. "Le pensioni in una app come quella della banca"

Occhio a queste truffe su Whatsapp

Ma come funzione il furto tramite codice a 6 cifre? Il più delle volte il percorso seguito dai cyber-criminali è il seguente: sul telefono della vittima arriva un messaggio con scritto: "Ciao, ti ho inviato un codice per sbaglio, potresti rimandarmelo?". Spesso e volentieri il messaggio arriva da un numero della nostra rubrica - ed è questa la prima parte dell'inganno - quindi siamo portati a leggere il testo e a rispondere. Il codice a 6 cifre non è altro che un codice di autenticazione a due fattori, un numero che non dovrebbe mai essere condiviso per garantire la nostra privacy. Il nostro contatto in rubrica che ha inviato il messaggio è a sua volta una vittima, perché i criminali stanno usando il suo account per rivolgersi a noi. Il tutto funziona come una sorta di messaggio a catena.

Cadendo nella trappola delle 6 cifre da rimandare, si attiva la funzione cambia numero, che consente agli hacker di modificare il numero di telefono, oppure usare il numero associato al profilo per tendere altre trappole e contattare altre persone. In conclusione, dunque, i malviventi riescono a impadronirsi dell'account delle vittime, arrivando addirittura a disconnetterlo da WhatsApp, rendendo di fatto impossibile il recupero.

Come difendersi

Il consiglio principale per evitare di incorrere in questo genere di truffe è quello di restare vigili e aspettare prima di rispondere a messaggi sospetti. Il codice a 6 cifre non va mai condiviso, così come le nostre informazioni personali. Altra cosa che è possibile fare è attivare le notifiche di sicurezza, che consentono di sapere quando un nostro contattato modifica il codice di accesso. Si può anche optare per la verifica a due passaggi, che richiede l'inserimento di un pin quando si registra il numero di telefono sulla piattaforma.

In caso di truffa, si può tentare di effettuare un nuovo accesso all'account WhatsApp, nella speranza di riuscire a rientrare e inserire nuovamente il proprio numero di telefono corretto. Se il numero è stato già cambiato in modo definitivo, però, il recupero è impossibile. A quel punto la cosa migliore da fare è rivolgersi alla Polizia postale e denunciare.






in evidenza
Bianca Censori regina alla Fashion Week. Le foto

Lady Kanye West sfila a Parigi

Bianca Censori regina alla Fashion Week. Le foto


in vetrina
Affari in rete... a Euro 2024 (e non solo)

Affari in rete... a Euro 2024 (e non solo)


motori
24 ore di Le mans, Porsche dona 911.000 euro con "Racing for Charity"

24 ore di Le mans, Porsche dona 911.000 euro con "Racing for Charity"

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.