A- A+
Medicina
Alimentazione, si vince fame ed inquinamento con funghi e insetti

Alimentazione, funghi ed insetti per salvare il pianeta

Il ragionamento è semplice: più cresciamo nel mondo, più abbiamo bisogno di cibo e soprattutto di un cibo la cui produzione sia meno inquinante per il pianeta. Il consumo di carne è ancora troppo alto ( secondo la FAO, è raddoppiato negli ultimi sessant'anni) e per produrla si inquina troppo. L'80% dei terreni è attualmente utilizzato per far crescere polli, mucche e maiali o coltivato a grano per nutrirli. Un terzo delle emissioni nocive al pianeta viene da questa agricoltura. Esigenza prioritaria risulta quindi la ricerca di alternative alla carne.  La scienza si è già indirizzata su diverse opzioni come insetti, carne di laboratorio e nutrienti di origine microbica. Un team di ricercatori del Potsdam Institute for Climate Impact Assessment e del World Center for Plants di Taiwan ha elaborato uno studio, pubblicato su Nature, che evidenzia il potenziale nutrizionale delle proteine ​​dei funghi.

Alimentazione, carne coltivata di origine vegetale

Attualmente esistono composti a base vegetale, come hamburger di soia e cellule animali coltivate in una capsula di Petri, una sorta di carne coltivata. Ma pure proteine ​​microbiche derivate dalla fermentazione. Queste ultime hanno un alto contenuto proteico, ricordano la bistecca grazie a funghi come il Fusarium venenatum. Salsicce e hamburger già sono  preparati con le micoproteine ​​dei funghi. Questa produzione,  inoltre,  non richiede deforestazione di nuove superfici e libera milioni di ettari. I ricercatori hanno valutato che se, entro 30 anni, fosse possibile sostituire l'80% delle proteine ​​animali con quelle fungine, il problema della deforestazione sparirebbe ( Congo ed Amazzonia in particolare). Con le produzioni “vegetali” crollerebbero di quasi il 90% le emissioni di gas serra. Con meno bovini ruminanti diminuirebbero pure le emissioni di metano e le emissioni di protossido di azoto per fertilizzanti e letame.

Secondo diversi studi la sostituzione delle proteine ​​di origine animale con quelle dei nuovi alimenti ridurrebbe di oltre l'80% l'impatto della coltivazione delle proteine ​​sui cambiamenti climatici.

Alimentazione, le offerte di insetti di alcuni supermercati

E sulle produzioni alternative già alcune catene di supermercati offrono prodotti differenti come insetti o varietà di carni a base vegetale. In Europa si possono già vendere grilli come alimenti. Il vero problema è di tipo culturale, perchè un fatto è dare ad una mucca, che mangi, insetti, altra cosa è avere sul piatto direttamente degli insetti. In ogni caso prima o poi, per salvare il pianeta, ci si dovrà abituare ad altri cibi. E poi in fondo l’uomo, essendo onnivoro, puo’ e deve mangiare di tutto. Al momento mangiamo troppe proteine, pochi carboidrati e molti grassi. Un’attitudine poco salutare sia per la razza umana che per l’ambiente.

Commenti
    Tags:
    funghiinquinamentoinsettimucche




    in evidenza
    Affari in rete

    Guarda la gallery

    Affari in rete

    
    in vetrina
    Carrà, in vendita la villa all'Argentario. Prezzo (quasi) accessibile. FOTO

    Carrà, in vendita la villa all'Argentario. Prezzo (quasi) accessibile. FOTO


    motori
    Alpine Endurance Team alla 24 Ore di Le Mans: test day cruciale

    Alpine Endurance Team alla 24 Ore di Le Mans: test day cruciale

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.